Stretta l’Alleanza in favore dell’economia circolare

  • 0

Economia Circolare Pubblicato il 2 Dicembre 2017

Svolta decisiva per l’economia circolare in Italia e nel mondo. Il 29 novembre scorso, presso la sede di Confindustria a Roma, è stata stretta l’ “Alleanza per l’economia circolare” tra Intesa Sanpaolo ed Enel, decisi a impegnarsi per porre un miglioramento concreto per le imprese italiane devote ai princìpi di innovazione, competitività e performance ambientale.

Un’iniziativa che ha visto la partecipazione di imprese talentuose e di successo, tra cui Bulgari, Novamont, Eataly, Gruppo Salvatore Ferragamo, Costa Crociere e Fater, le quali, insieme ai promotori del Manifesto (Enel ed Intesa Sanpaolo) hanno preso parte a un progetto che vede l’ambiente e l’economia circolare obiettivi primari su cui focalizzarsi.

Enel e Intesa Sanpaolo sono i promotori del Manifesto per l’economia circolare

Erano inoltre presenti i rappresentanti di aziende come Nissan, Philips, ARUP, Marangoni, Astelav, Armadio Verde, Freyrie Flores Architettura e Accenture, che nel corso dell’incontro hanno illustrato le loro migliori pratiche nell’economia circolare, fenomeno analizzato anche da un rappresentante della Ellen MacArthur Foundation – istituzione leader, nel mondo, per la promozione e lo sviluppo dell’economia circolare – dal punto di vista internazionale.

Nell’intervento tenuto da Mauro Micillo, Responsabile della Divisione Corporate & Investment Banking di Intesa Sanpaolo e Amministratore delegato di Banca Imi, “la circular economy rappresenta per Intesa San Paolo una sfida e un’opportunità capace di creare nuovo valore e crescita. Circular economy significa estensione della vita utile dei beni, rigenerazione degli stessi, nuove piattaforme di condivisione, prodotto come servizio, filiera circolare e molto altro”.

L’economia circolare, in effetti, punta alla trasformazione dei processi e al re-design dei prodotti e dei servizi favorendo il superamento delle tradizionali divisioni tra diversi settori industriali e una maggiore sinergia tra le aziende. L’innovazione e la sostenibilità diventano così parte integrante del business e scelta strategica di competitività, anche nell’ottica della lotta ai cambiamenti climatici.

Le considerazioni su un tema così attuale e importante come quello dell’ambiente sono state espresse dai molti esponenti delle aziende presenti, oltre che dal Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e dal membro del Parlamento Europeo Simona Bonafè. Tutti d’accordo su quanto il fattore ambiente sia una leva fondamentale per lo sviluppo economico del Paese, e anche se “l’Europa è scarsa di materie prime, ma carica di ingegno e di scuole di eccellenze nell’innovazione – ha affermato Bonafè – il paradigma economico si sposta sempre di più su concetti come sostenibilità e riciclo, il varo strategico per indirizzare il nostro sistema industriale verso le sfide di questo nuovo modello di crescita”.

Parte importante del convegno di Confindustria, è stato anche il Documento di Posizionamento Strategico, denominato “Verso un modello di economia circolare in Italia”, creato dal Ministero dell’Ambiente e dal Ministero dello Sviluppo Economico, che contribuisce alla definizione degli obiettivi sull’uso efficiente delle risorse e dei modelli di produzione e consumo sostenibili. Perché, come ha detto il Ministro dell’Ambiente Galletti, “l’Italia può contare sulla forza delle aziende radicate nel territorio e sulla capacità di capire prima di altri quali pratiche sono elementi di competitività sul mercato, come la rigenerazione, l’ecodesign e combattere i rifiuti . Il nostro Paese vuole superare la grande sfida dell’economia circolare con l’Europa.”

Leggi anche

sfridoo cos'è end of waste
di Marco Battaglia 14 Giugno 2019

Rifiuti

Cos’è l’End of Waste? Ultimi aggiornamenti e criticità di un tassello fondamentale per l’economia circolare

Cosa significa End of Waste e per quale motivo può rappresentare un tassello dell’economia circolare? Una breve indagine nel mondo dei nuovi prodotti derivanti dai rifiuti e nelle normative che si sono succedute nel settore della gestione ambientale. Oggi la definizione dell’economia circolare insegue modelli per cui le aziende concorrano alla creazione di simbiosi industriali per cui scarti generati da un processo possano diventare nuove materie per un altro processo produttivo.

5 buoni motivi per capire il sottoprodotto
di Marco Battaglia 11 Maggio 2019

Rifiuti

5 buoni motivi per capire cos’è un Sottoprodotto

Spesso il termine sottoprodotto rimane un vero e proprio mistero. Una chimera normativa che molte aziende, pur di rimanere all’oscuro di tutta la normativa ambientale e della gestione dei rifiuti/prodotti a fine vita, evitano. Capita spesso di confrontarsi con aziende che avrebbero le opportunità normative e tutti i vantaggi economici ed ambientali per affrontare questo passaggio di gestione, eppure non si riesce ad arrivare a una risposta positiva nel procedere per questa strada virtuosa.

Scopri i nostri servizi