economia circolare medio oriente sfridoo

L'Economia Circolare nel boom edilizio del Medio Oriente

Cosa succede nei paesi arabi rispetto all'Economia Circolare? Il boom edilizio del GCC - Gulf Cooperation Council - è in cerca di soluzioni per implementare l'economia circolare nei propri Paesi. Vediamo qualche case study sul tema

  • 5

Economia Circolare Pubblicato il 13 Luglio 2019

Economia Circolare in Medio Oriente

Il concetto di “economia circolare” sta rapidamente prendendo piede in tutto il mondo e in particolare in Medio Oriente dove i progetti come Expo 2020 stanno esprimendo, anche attraverso la costruzione di padiglione come quelli del Lussemburgo e del Belgio, le idee circolari per aumentare la consapevolezza sui vantaggi delle pratiche di riduzione degli sprechi. Questo articolo mette in luce i requisiti e i benefici dell’economia circolare nell’edilizia e nelle costruzioni.

I paesi del GCC (Gulf Cooperation Council, un’Organizzazione internazionale regionale che riunisce sei stati del golfo Persico) sono impegnati in un boom edilizio che rende gli approcci convenzionali insostenibili. Il problema con le tecniche di costruzione standard è che introducono rifiuti e consumano risorse limitate. Invece, i paesi del GCC dovrebbero applicare il concetto di economia circolare per rendere la costruzione più efficiente, limitare il loro impatto ambientale e creare una crescita sostenibile.

Secondo le previsioni più recenti, i progetti di capitale GCC potrebbero valere più di un trilione di dollari nei prossimi cinque anni: il gasdotto per la costruzione in Arabia Saudita è promettente, con molti megaprogetti in corso, come Neom, una città nel nord-ovest dell’Arabia Saudita; il progetto del Mar Rosso, orientato al turismo; e la città d’intrattenimento di Qiddiya.

 

La situazione attuale del Medio Oriente sull’Economia Circolare

Tuttavia, se i governi del GCC non cambiano i loro approcci di costruzione convenzionali, dovranno usare in modo inefficiente grandi quantità di terra, materiali e manodopera, come già accaduto per la stessa Dubai. La costruzione convenzionale rappresenta già il 35-40% del totale dei rifiuti solidi prodotti dal settore, e gran parte di questo finisce nelle discariche.

Per attuare questi piani di costruzione in modo più efficiente e con un impatto ambientale meno negativo, i paesi del GCC dovrebbero utilizzare approcci di economia circolare. Questi creano cicli di materiali a ciclo chiuso attraverso le catene del valore di produzione e di consumo e trattano i rifiuti come una perdita di valore evitabile. In effetti, l’utilizzo dell’economia circolare in edilizia e l’ambiente costruito in generale potrebbero generare benefici per oltre 23 miliardi di dollari nei paesi del GCC tra il 2020 e il 2030, pari a circa lo 0,8% del PIL della regione GCC in quegli anni.

 

Cosa significa introdurre l’EC in Medio Oriente

Nel settore delle costruzioni, introdurre l’economia circolare significa agire in ogni fase del processo: pianificazione, progettazione e costruzione. I pianificatori urbani nei paesi del GCC intendono creare spazi attraenti in cui le persone possano vivere, lavorare e passare del tempo libero. Ciò ridurrebbe la necessità del trasporto privato e incoraggerebbe l’uso di trasporti pubblici più convenienti. La condivisione e la multi-posizione degli spazi massimizza il loro utilizzo e riduce la necessità di nuovi edifici. Anche la pianificazione è essenziale in quanto può prolungare la durata di vita degli edifici attraverso il riutilizzo e il riciclo di determinati materiali.

 

Il tele-raffrescamento

I pianificatori urbani possono anche imporre l’uso del teleraffrescamento nelle aree in cui è appropriato. Il raffreddamento del distretto funziona aggregando la domanda di raffreddamento. Una struttura centralizzata invia acqua refrigerata attraverso una rete di tubi di distribuzione a più edifici. Il teleraffreddamento consuma circa il 20-30% in meno di energia elettrica rispetto alla tecnologia di raffreddamento convenzionale più efficiente dal punto di vista energetico – un importante risparmio dato che il raffreddamento consuma la maggiore quota di energia nella regione del GCC.

I governi e i regolatori dovrebbero anche introdurre l’economia circolare nella progettazione. Possono ottenere ciò richiedendo che i progetti per i nuovi edifici incorporino elementi che massimizzano l’efficienza energetica e idrica. Alcune misure per ridurre il consumo di energia e acqua sono rispettose dell’ambiente ed economiche.

 

L’involucro edilizio

Ad esempio, un involucro edilizio ad alte prestazioni riduce le perdite di riscaldamento e raffreddamento. I paesi del GCC dovrebbero rivedere le loro normative sull’efficienza energetica, date le nuove tecnologie, i progetti di costruzione e i metodi. I costruttori potrebbero anche installare pannelli solari fotovoltaici per fornire energia elettrica da fonti rinnovabili. Infine, i progettisti dovrebbero usare metodi di costruzione sostenibili.

Ad esempio, i governi e le autorità di regolamentazione potrebbero incoraggiare l’uso della costruzione modulare, che prevede la costruzione di componenti in fabbrica piuttosto che in loco, un modello che potrebbe comportare risparmi fino al 74% del materiale, il 68% dei costi delle attrezzature e rendere la costruzione più rapida e meno laboriosa. Un altro vantaggio della costruzione modulare è che si adatta più facilmente quando lo spazio deve cambiare. Ad esempio, il London Borough of Lewisham ha collocato una struttura modulare a 24 abitazioni, che può essere smontata e spostata, su un sito dismesso.

 

La stampa 3d per gli edifici

L’applicazione della stampa 3D nella costruzione può anche portare a guadagni di efficienza poiché utilizza una frazione dei costi associati tipici e del materiale di costruzione degli approcci convenzionali. Dubai ha già lanciato una strategia di stampa 3D dedicata. Tuttavia, cogliendo tutti i benefici della transizione sarà necessario uno sforzo coordinato in cui tutti gli elementi di un ambiente costruito circolare possano riunirsi.

 

Le piattaforme di condivisione dei materiali

Un modo per spostarsi verso un circuito chiuso di materiale è creare un mercato per lo scambio e il riutilizzo dei materiali recuperati dopo lo smontaggio o dopo la decostruzione selettiva. Per consentire tale mercato, i regolatori e l’industria dovranno introdurre un “passaporto del materiale” per garantire che i materiali recuperati siano della qualità appropriata. Il Regno Unito ha già implementato una piattaforma di condivisione come Environmate, dove i costruttori si connettono per acquistare e vendere materiali da costruzione, mentre qui in Italia è Sfridoo a proporre il Marketplace dell’Economia Circolare dove già più di 180 aziende hanno cominciato a condividere il proprio materiale di scarto, cespiti aziendali e surplus di magazzino.

I governi e i regolatori possono incoraggiare ulteriormente il riutilizzo dei materiali modificando i codici di costruzione. Amsterdam insiste sul coordinamento della costruzione e della demolizione per consentire l’uso secondario dei materiali.

I programmi di costruzione dei paesi del GCC sono ambiziosi. Avranno bisogno di utilizzare gli approcci dell’economia circolare per garantire che questi nuovi edifici durino, siano più efficienti rispetto alle costruzioni precedenti e abbiano il minore impatto possibile sull’ambiente.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividilo con colleghi, amici e persone che potrebbero essere interessate. Nel frattempo ti ricordo che se vuoi ricevere mensilmente la raccolta degli articoli pubblicati su Sfridoo puoi iscriverti alla newsletter o seguirci su LinkedInFacebook e Twitter, per entrare di diritto nel network dell’economia circolare.

Leggi anche

cos'è bilancio sostenibilità e quando scatta l'obbligo per le aziende sfridoo
di Sfridoo Staff 26 Luglio 2019

Green Marketing

Cos’è il Bilancio di Sostenibilità e quando è obbligatorio per le aziende?

Indice Cos’è il Bilancio di Sostenibilità Quali sono  soggetti a cui si rivolge il Bilancio di Sostenibilità La definizione di Bilancio di Sostenibilità La Sostenibilità al centro delle decisioni aziendali Linee guida per redigere un Bilancio di Sostenibilità Quando il Bilancio di Sostenibilità diventa obbligatorio per le aziende Lo standard SA 8000 Cos’è il Bilancio […]

Scopri i nostri servizi