plastica cina sfridoo

La Cina vieta l’importazione della plastica

  • 0

Rifiuti Pubblicato il 25 Gennaio 2018

Dal 1 gennaio 2018 il Governo cinese ha confermato la decisione di respingere – a partire dalla fine dell’anno – l’importazione della plastica a livello globale.

Spieghiamo meglio. Il divieto di importazione è relativo a 24 tipi di rifiuti, di materie prime seconde destinate al riciclo. Maggiormente per l’importazione della plastica a base di poliolefine, stireni che, PVC e PET, i sacchetti, gli imballaggi alimentari sempre dello stesso materiale. Ma la lista non si ferma qui perché sarebbe compresa anche la carta da macero, quella cioè non adatta al riciclo, come i resti di cibo, misti e appiccicosi.

La Cina, da un lato, vieta l’importazione della plastica perché contaminata e pericolosa, dall’altro sta adottando politiche sempre più green

Perché questa decisione? La risposta dal paese asiatico non tarda ad arrivare, che punta il dito contro la presenza di grandi quantità di rifiuti contaminati e pericolosi – nei materiali esteri – miscelati con quelli solidi destinati al riciclo per ottenere nuove materie prime, con rischi per l’ambiente e la salute.

La decisione mette in crisi il sistema di gestione dei rifiuti e l’industria del riciclo a livello globale. Alcune fonti indicano in  7,3 milioni di tonnellate il volume di rifiuti plastici importati l’anno scorso dal paese asiatico, per un valore di 3,7 miliardi di dollari, pari a oltre il 50% del commercio internazionale di questi materiali.

Non è chiaro se la decisione della Cina – principale produttore di gas serra al mondo, con il 28% delle emissioni – sia da attribuire a una questione meramente ambientale o se mossa da scambi commerciali internazionali.

Una cosa però è certa: se la Cina sta vietando – da un lato – l’importazione della plastica, dall’altro sta adottando politiche sempre più green. Già da alcuni di anni il Paese sta cambiando rotta in fatto di ambiente, grazie a energie pulite, politiche e tecnologie green che hanno contribuito nel 2017 alla crescita del 6,9% del Pil cinese. Pechino ha raddoppiato la capacità di produzione di energia fotovoltaica, diventando nel 2016 il Paese che produce più energia solare al mondo.

Tra gli investimenti è da annoverare sicuramente la torre di purificazione più alta al mondo. Alta 100 metri, si trova a Xian, nella provincia di Shaanxi, il progetto è dell’Istituto di Ambiente della Terra dell’Accademia delle Scienze cinese. La torre ha contribuito notevolmente a ridurre i livelli di smog. In pratica l’aria viene aspirata da una serie di serre che sono alla base della torre. Il sole riscalda l’aria, che sale lungo la torre nella quale sono installati diversi filtri.

Leggi anche

di Sfridoo Staff 17 Febbraio 2019

Economia Circolare

L’economia circolare è un’opportunità d’oro. Non sprechiamola

Questo articolo fa parte della riunione annuale del World Economic Forum Il cuore dell’accordo di Parigi ha come obiettivo quello di mantenere la temperatura globale in rialzo ben al di sotto dei 2 °C. Al momento l’opinione pubblica è rivolta soprattutto all’energia, all’efficienza energetica e alle energie rinnovabili. Eppure dietro l’angolo si nascondono opportunità molto grandi, una […]

ikea netflix sfridoo
di Marco Battaglia 7 Febbraio 2019

Aziende

IKEA come Netflix: ora i mobili si possono affittare

La sfida di IKEA verso il rispetto dei principi dell’Economia Circolare si fa sempre più concreta. L’azienda svedese inizierà a noleggiare mobili come tentativo di costruire un business più rispettoso dell’ambiente, dichiarando di voler testare l’idea di noleggiare mobili per ufficio, come scrivanie e sedie, per i clienti commerciali. Per le cucine l’azienda ha un’idea di sviluppo successiva: […]

loop sfridoo
di Marco Battaglia 28 Gennaio 2019

Green Marketing

Loop, la piattaforma di vendita al dettaglio basata su packaging riutilizzabile

Dopo la presentazione al Sustainability Summit 2018 di The Economist, da parte di Tom Szaky, fondatore e CEO di TerraCycle, il sistema Loop – si chiama così la piattaforma di riutilizzo pensata dall’azienda statunitense – si affianca ad altri importanti brand per eliminare gli sprechi legati al packaging dei prodotti di consumo domestico. Come viene definito il progetto […]

Scopri i nostri servizi