plastica cina sfridoo

La Cina vieta l’importazione della plastica

  • 0

Rifiuti Pubblicato il 25 Gennaio 2018

Dal 1 gennaio 2018 il Governo cinese ha confermato la decisione di respingere – a partire dalla fine dell’anno – l’importazione della plastica a livello globale.

Spieghiamo meglio. Il divieto di importazione è relativo a 24 tipi di rifiuti, di materie prime seconde destinate al riciclo. Maggiormente per l’importazione della plastica a base di poliolefine, stireni che, PVC e PET, i sacchetti, gli imballaggi alimentari sempre dello stesso materiale. Ma la lista non si ferma qui perché sarebbe compresa anche la carta da macero, quella cioè non adatta al riciclo, come i resti di cibo, misti e appiccicosi.

La Cina, da un lato, vieta l’importazione della plastica perché contaminata e pericolosa, dall’altro sta adottando politiche sempre più green

Perché questa decisione? La risposta dal paese asiatico non tarda ad arrivare, che punta il dito contro la presenza di grandi quantità di rifiuti contaminati e pericolosi – nei materiali esteri – miscelati con quelli solidi destinati al riciclo per ottenere nuove materie prime, con rischi per l’ambiente e la salute.

La decisione mette in crisi il sistema di gestione dei rifiuti e l’industria del riciclo a livello globale. Alcune fonti indicano in  7,3 milioni di tonnellate il volume di rifiuti plastici importati l’anno scorso dal paese asiatico, per un valore di 3,7 miliardi di dollari, pari a oltre il 50% del commercio internazionale di questi materiali.

Non è chiaro se la decisione della Cina – principale produttore di gas serra al mondo, con il 28% delle emissioni – sia da attribuire a una questione meramente ambientale o se mossa da scambi commerciali internazionali.

Una cosa però è certa: se la Cina sta vietando – da un lato – l’importazione della plastica, dall’altro sta adottando politiche sempre più green. Già da alcuni di anni il Paese sta cambiando rotta in fatto di ambiente, grazie a energie pulite, politiche e tecnologie green che hanno contribuito nel 2017 alla crescita del 6,9% del Pil cinese. Pechino ha raddoppiato la capacità di produzione di energia fotovoltaica, diventando nel 2016 il Paese che produce più energia solare al mondo.

Tra gli investimenti è da annoverare sicuramente la torre di purificazione più alta al mondo. Alta 100 metri, si trova a Xian, nella provincia di Shaanxi, il progetto è dell’Istituto di Ambiente della Terra dell’Accademia delle Scienze cinese. La torre ha contribuito notevolmente a ridurre i livelli di smog. In pratica l’aria viene aspirata da una serie di serre che sono alla base della torre. Il sole riscalda l’aria, che sale lungo la torre nella quale sono installati diversi filtri.

Leggi anche

google stadia economia circolare
di Marco Battaglia 11 Aprile 2019

Aziende

Google Stadia: l’Economia Circolare nel settore gaming

E’ notizia di poche settimane fa che Google, ha lanciato in occasione della Game Development Conference 2019 in California, un servizio in streaming per videogame al pari di Netflix. Dal 2018 Google è entrata a far parte del programma della Ellen Macarthur Foundation, l’organizzazione non profit che aiuta le aziende di tutto il mondo ad adottare pratiche di economia circolare, dichiarando il proprio impegno nei confronti della circular economy. Una spinta di lunga data quella di Google con al centro una partnership proprio con la Ellen MacArthur Foundation, e sperimentare gli enormi benefici.

posidonia sottoprodotto sfridoo
di Marco Battaglia 22 Marzo 2019

Economia Circolare

Da problema ambientale a risorsa: il caso sottoprodotto Posidonia

E’ partita a dicembre 2018 la campagna di avviso pubblico del Comune di Alghero, per la manifestazione d’interesse circa il riutilizzo della Posidonia (pianta acquatica del Mar Mediterraneo spesso confusa con il termine “alga”) nel campo della bioedilizia e dell’efficienza energetica. Le difficoltà normative, associate a quelle di carattere politico nazionale e locale, sono da […]

Scopri i nostri servizi