Un viaggio tra le miniere italiane in declino

  • 0

Economia Circolare Pubblicato il 27 Novembre 2017

L’Italia, si sa, è un luogo ricco di cultura e storia, tuttavia dal punto di vista di quelle che nel linguaggio tecnico vengono chiamate “industrie minerarie” la situazione non è delle migliori. In poche parole le miniere nella nostra nazione sono sempre meno.

Sin dal 1900 nel Bel Paese erano presenti numerose miniere attive, dalla Lombardia alla Sicilia, passando per la Sardegna – regione che può vantare una fra le più antiche ed interessanti storie di miniere italiane – e si estraevano ferro, argento, oro, mercurio, rame, zolfo, manganese, bauxite, uranio, ma arrivando ai giorni nostri il numero si è ridotto: si contano, infatti, solo ottanta siti tutt’ora attivi in tutto il territorio nazionale.

Sono rimaste appena 80 miniere italiane attive rispetto al 1900.
E le cause sono molteplici.

Come afferma il presidente di Assomineraria Marco Sertorio, “l’attività di estrazione è terminata verso la metà degli anni Cinquanta e due anni fa è avvenuta l’ultima chiusura di una cava in Valle d’Aosta.”

“Ma nonostante la pessima condizione attuale delle miniere italiane” – continua Sertorio – “prima di vederle completamente dismesse passerà molto tempo.” E le cause sembrerebbero appropriate ai costi troppo elevati, alle concessioni troppo brevi e ai problemi di sicurezza.

Attualmente le regioni più ricche di miniere restano la Sicilia e la Sardegna, ma le attività estrattive proseguono anche in Piemonte, Lombardia, Toscana e Val d’Aosta. A portarle avanti sono società italiane e internazionali, come la multinazionale belga Solvay, impegnata in Toscana nell’estrazione del salgemma, il cosiddetto “oro bianco”. Il talco, usato a fini farmaceutici ed estetici resta “il minerale di pregio e il maggior prodotto esportato dall’Italia”, spiega Sertorio.

Tra le miniere italiane più grandi e più importanti del nostro Paese vi sono quelle dense di minerali metalliferi: per esempio la miniera di ferro dell’Isola D’Elba, la Sulcis-Iglesiente in Sardegna o quella situata a Bivongi (Reggio Calabria) che è ricca di molibdeno, galena, argento e piombo.

Alcune delle cave ancora attive si possono anche visitare, come la miniera d’oro della Guia, in Valle Anzasca (Piemonte), una delle zone d’Italia più ricche d’oro e una delle poche del genere in Europa ad essere accessibile a tutti.

Leggi anche

google stadia economia circolare
di Marco Battaglia 11 Aprile 2019

Aziende

Google Stadia: l’Economia Circolare nel settore gaming

E’ notizia di poche settimane fa che Google, ha lanciato in occasione della Game Development Conference 2019 in California, un servizio in streaming per videogame al pari di Netflix. Dal 2018 Google è entrata a far parte del programma della Ellen Macarthur Foundation, l’organizzazione non profit che aiuta le aziende di tutto il mondo ad adottare pratiche di economia circolare, dichiarando il proprio impegno nei confronti della circular economy. Una spinta di lunga data quella di Google con al centro una partnership proprio con la Ellen MacArthur Foundation, e sperimentare gli enormi benefici.

posidonia sottoprodotto sfridoo
di Marco Battaglia 22 Marzo 2019

Economia Circolare

Da problema ambientale a risorsa: il caso sottoprodotto Posidonia

E’ partita a dicembre 2018 la campagna di avviso pubblico del Comune di Alghero, per la manifestazione d’interesse circa il riutilizzo della Posidonia (pianta acquatica del Mar Mediterraneo spesso confusa con il termine “alga”) nel campo della bioedilizia e dell’efficienza energetica. Le difficoltà normative, associate a quelle di carattere politico nazionale e locale, sono da […]

Scopri i nostri servizi