DiCaprio contro il riscaldamento globale

  • 0

Economia Circolare Pubblicato il 1 Novembre 2017

L’attore premio Oscar alle prese con il suo primo documentario ci spiega come combattere gli effetti devastanti del riscaldamento globale.

Il 30 ottobre di un anno fa usciva il film-documentario sui cambiamenti climatici destinato a suscitare grande scalpore tanto per le tematiche trattate, quanto per il tono di sensibilizzazione e denuncia di un problema che continua ad affliggere il mondo intero, nonostante se ne parli di continuo. Non a caso il titolo “Before the flood”, scelto dal regista premio Oscar Fisher Stevens e dall’attore premio Oscar Leonardo DiCaprio, che letteralmente significa “prima del diluvio universale”, ci fa capire come il clima stia mutando rapidamente, al punto che la Terra è considerata in serio pericolo.

Before the flood” letteralmente significa “prima del diluvio universale“.

Il film si concentra sulla vita di una giovane ragazza che sta crescendo in un impianto di riciclaggio della plastica della provincia di Shandong. A undici anni Yi-Jie impara a conoscere il mondo aiutando i suoi genitori a selezionare la plastica importata, gioca tra i rifiuti e acque di scarico contaminate sognando di andare a scuola, anche se il padre sa che non se lo potrà permettere.

Non appena reso disponibile su YouTube, Twitter, Facebook, Amazon, “Punto di non ritorno” – titolo italiano – ha raggiunto il record di visualizzazioni ed è stato tradotto in 45 lingue per informare il più possibile e arrivare immediatamente agli spettatori.

Sono tanti gli argomenti trattati, dall’ecologia all’economia, dall’ingegneria, alla politica, alla scienza, oltre che interviste a personaggi di rilievo come l’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama e Papa Francesco con i quali l’attore si è confrontato.

Il documentario a cui DiCaprio ha prestato la sua voce è un vero e proprio viaggio attraverso i paesi industrializzati e in via di sviluppo, dove le conseguenze dei cambiamenti climatici sono ben evidenti: le immagini incredibili mostrano la violenza degli alluvioni, degli incendi o gli effetti della deforestazione, attività causata dalla mano dell’uomo.

“Before the flood”, frutto di uno studio di tre anni sul fenomeno, vale la pena vederlo anche perché guida lo spettatore verso una maggiore consapevolezza e a consumare in maniera responsabile, presupposti che porterebbero davvero portare a un cambiamento, politico e ambientale.

Nonostante il surriscaldamento globale, l’inquinamento e i cambiamenti climatici siano fenomeni purtroppo radicati in tutto il Paese, alcune realtà aziendali sono intenzionate a limitare i danni attuando politiche a favore dell’ambiente favorendo l’economia circolare, senza accumulare rifiuti.

Leggi anche

google stadia economia circolare
di Marco Battaglia 11 Aprile 2019

Aziende

Google Stadia: l’Economia Circolare nel settore gaming

E’ notizia di poche settimane fa che Google, ha lanciato in occasione della Game Development Conference 2019 in California, un servizio in streaming per videogame al pari di Netflix. Dal 2018 Google è entrata a far parte del programma della Ellen Macarthur Foundation, l’organizzazione non profit che aiuta le aziende di tutto il mondo ad adottare pratiche di economia circolare, dichiarando il proprio impegno nei confronti della circular economy. Una spinta di lunga data quella di Google con al centro una partnership proprio con la Ellen MacArthur Foundation, e sperimentare gli enormi benefici.

posidonia sottoprodotto sfridoo
di Marco Battaglia 22 Marzo 2019

Economia Circolare

Da problema ambientale a risorsa: il caso sottoprodotto Posidonia

E’ partita a dicembre 2018 la campagna di avviso pubblico del Comune di Alghero, per la manifestazione d’interesse circa il riutilizzo della Posidonia (pianta acquatica del Mar Mediterraneo spesso confusa con il termine “alga”) nel campo della bioedilizia e dell’efficienza energetica. Le difficoltà normative, associate a quelle di carattere politico nazionale e locale, sono da […]

Scopri i nostri servizi