sottoprodotto sfridoo

Sottoprodotti, soluzioni a vantaggio delle imprese

  • 0

Economia Circolare Pubblicato il 16 Gennaio 2018

Tutto ciò che non è stato utilizzato e quindi destinato al conferimento in discarica appartiene alla categoria di “rifiuti”. Tuttavia, a livello giuridico, non tutti i residui di produzione sono definiti tali, bensì sono stati catalogati rispettivamente in “sottoprodotti”, ovvero residui originati da un processo di produzione il cui scopo primario non è la loro produzione e che costituiscono la denominazione di “non rifiuti” fin dalla loro realizzazione; e in “residui di produzione”, definiti così perché perdono la denominazione di “rifiuto” nel momento in cui vengono avviate le operazioni di recupero.

Con il D.M. 264/2016 si apportano nuovi aggiornamenti che regolano la gestione dei sottoprodotti da parte di imprese

Se soddisfano le condizioni previste dall’art. 184-bi del D.L.vo 152/2006, i sottoprodotti possono essere gestiti come beni e non come rifiuti. E i vantaggi sono diversi, tra cui il fatto che le imprese che utilizzano i sottoprodotti non necessitano di autorizzazioni, apportando così un notevole risparmio di costi. Ma ciò può avvenire solo se si osservano quattro condizioni: innanzitutto la sostanza o l’oggetto è originato da un processo di produzione, di cui costituisce parte integrante, e il cui scopo primario non è la produzione di tale sostanza od oggetto.

È certo che la sostanza o l’oggetto sarà utilizzato, nel corso dello stesso o di un successivo processo di produzione o di utilizzazione, da parte del produttore o di terzi; la sostanza o l’oggetto può essere utilizzato direttamente senza alcun ulteriore trattamento diverso dalla normale pratica industriale; infine, l’ulteriore utilizzo è legale, ossia la sostanza o l’oggetto soddisfa, per l’utilizzo specifico, tutti i requisiti pertinenti riguardanti i prodotti e la protezione della salute e dell’ambiente e non porterà a impatti complessivi negativi sull’ambiente o la salute umana.

Nel caso mancasse anche una sola delle condizioni sopra elencate, lo scarto di produzione deve essere assoggettato alla disciplina dei rifiuti, pena il rischio di pesanti sanzioni, amministrative e penali.

Nel corso di questi ultimi anni, però, i vari aggiornamenti della medesima legge, in relazione a quelli che sono i princìpi dell’economia circolare è entrata in vigore il Decreto Ministeriale n. 264/2016, utile agli operatori per comprendere come dimostrare il rispetto delle suddette condizioni, assicurando così una maggiore uniformità delle possibili interpretazioni. I rifiuti assimilabili sono individuati con un duplice criterio: devono essere stati prodotti da una serie di attività economiche e devono essere identificati con uno dei codici dell’elenco europeo dei rifiuti.

Cerchi o vendi materiale di scarto?

Prova Sfridoo adesso, l’iscrizione è gratuita.
Pubblica subito un annuncio di prova e contatta le aziende con gli scarti di tuo interesse.

Leggi anche

google stadia economia circolare
di Marco Battaglia 11 Aprile 2019

Aziende

Google Stadia: l’Economia Circolare nel settore gaming

E’ notizia di poche settimane fa che Google, ha lanciato in occasione della Game Development Conference 2019 in California, un servizio in streaming per videogame al pari di Netflix. Dal 2018 Google è entrata a far parte del programma della Ellen Macarthur Foundation, l’organizzazione non profit che aiuta le aziende di tutto il mondo ad adottare pratiche di economia circolare, dichiarando il proprio impegno nei confronti della circular economy. Una spinta di lunga data quella di Google con al centro una partnership proprio con la Ellen MacArthur Foundation, e sperimentare gli enormi benefici.

posidonia sottoprodotto sfridoo
di Marco Battaglia 22 Marzo 2019

Economia Circolare

Da problema ambientale a risorsa: il caso sottoprodotto Posidonia

E’ partita a dicembre 2018 la campagna di avviso pubblico del Comune di Alghero, per la manifestazione d’interesse circa il riutilizzo della Posidonia (pianta acquatica del Mar Mediterraneo spesso confusa con il termine “alga”) nel campo della bioedilizia e dell’efficienza energetica. Le difficoltà normative, associate a quelle di carattere politico nazionale e locale, sono da […]

Scopri i nostri servizi