Pneumatici riciclati Sfridoo

Gli pneumatici riciclati rivoluzionano il calcestruzzo

  • 0

Economia Circolare Pubblicato il 28 Agosto 2017

Indice

 

Gli ingegneri dell’UBC hanno sviluppato un calcestruzzo molto più elastico usando i pneumatici riciclati che può essere usato per costruire le parti strutturali di edifici, strade, gallerie e ponti riducendo lo smaltimento dei rifiuti nelle discariche.

Miscelare le fibre riciclate al calcestruzzo contribuirà a ridurre l’impronta ecologica sul nostro pianeta.
I ricercatori hanno sperimentato diverse proporzioni tra le fibre di gomma e gli altri materiali che normalmente compongono il calcestruzzo (cemento, sabbia e acqua) prima di individuare il giusto mix, che prevede un 35% di fibre di gomma in combinazione con gli altri materiali.
Le strade alla plastica riciclata non sono una novità; gli asfalti additivati di fibre di gomma derivante dallo smaltimento dei rifiuti come i pneumatici, esistono già in molte nazioni del mondo, anche europee. L’uso delle fibre polimeriche non si era invece mai sperimentato nella produzione di calcestruzzo, ottenendo risultati molto interessanti in termini di allungamento della vita del materiale stesso.

“I nostri test di laboratorio evidenziano che il calcestruzzo fibro-rinforzato riduce i fenomeni di ritiro del 90% rispetto al calcestruzzo tradizionale” ammette Onuaguluchi dottorando di ingegneria civile alla UBC. Le strutture in calcestruzzo tendono a fessurarsi nel tempo, mentre le fibre polimeriche prevengono la formazione delle fessure, contribuendo all’allungamento della vita degli elementi strutturali.

Nemy Banthia, professore di ingegneria civile presso la UBC oltre che supervisore del progetto, sottolinea l’impatto cruciale che questa ricerca può avere sull’ambiente e anche sul settore delle costruzioni. Nel mondo vengono prodotti ogni anno più di tre 3 miliardi di pneumatici, capaci di generare poco meno di 3 milioni di tonnellate di fibre di plastica una volta riciclati.

“Produciamo 6 miliardi di metri cubi di calcestruzzo all’anno,” aggiunge Banthia. “La fibra ottenuta dal recupero dei pneumatici potrebbe essere integrata in ognuno di quei metri cubi”.

“Molti dei pneumatici fuori uso sono destinati allo smaltimento come rifiuti in discarica. Miscelare le fibre riciclate al calcestruzzo contribuirebbe a ridurre l’impronta ecologica delle fabbriche di pneumatici, oltre che a ridurre l’emissione di gas serra da parte dell’industria delle costruzioni,” ammette Banthia.

In maggio, La nuova miscela di calcestruzzo è stata usata per ricoprire la gradinata del McMillan Building del campus UBC.Il team di ricerca sta tracciando i dati di performance usando dei sensori annegati nel calcestruzzo, che monitorano deformazione e fessurazione ed altri fattori fondamentali. Fin’ora, i risultati stanno supportando le evidenze di laboratorio, sottolineando appunto la diminuzione sensibile dei fenomeni di fessurazione.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividilo con colleghi, amici e persone che potrebbero essere interessate. Nel frattempo, se vuoi ricevere ogni due settimane la raccolta dei contenuti pubblicati su Sfridoo, puoi iscriverti alla Newsletter o seguire i canali social di Sfridoo, per entrare di diritto nel Network dell’Economia Circolare.

Leggi anche

Scopri i nostri servizi