migliori borracce aziende plastic free

Le migliori borracce per la tua azienda Plastic-free

La guida definitiva per scegliere le migliori borracce Plastic-free per la tua azienda. Hai già trovato la tua?

  • 5

Green Marketing Pubblicato il 28 Novembre 2019

Indice

  1. Premessa
  2. Impatto ambientale
  3. Borraccia in acciaio Inox
  4. Borraccia in alluminio
  5. Borraccia in vetro
  6. Borraccia in plastica
  7. Accessori
  8. Conclusioni

Premessa

Quali sono le migliori borracce per la tua azienda Plastic-free? Senza dubbio il passo più importante che un’azienda può compiere per eliminare il monouso è quello di sostituire l’uso di bottiglie e bottigliette d’acqua di plastica con l’acquisto di borracce multiuso.

Può accadere che qualche dipendente per evitare il continuo acquisto di nuove bottigliette ne riutilizzi una per diverso tempo riempendola dal rubinetto. Benché questo gesto derivi dal tentativo di effettuare una scelta sostenibile ed economica, purtroppo incontra delle controindicazioni di natura igienica. La leggerezza e la comodità di una bottiglietta in PET si scontra con il proliferare di batteri e germi al suo interno, infatti questi imballaggi sono prodotti e commercializzati per essere utilizzati solo una volta proprio perché potrebbero rilasciare sostanze nocive nel contenuto nel medio-lungo termine, soprattutto dopo un’esposizione a fonti luminose o di calore. Riutilizzare le bottiglie di PET non è quindi sicuro e bisogna trovare un’alternativa che sia oltre che economicamente sostenibile anche ecologica, soprattutto se è un’azienda a volersi approvvigionare per fornire i propri dipendenti.

Tipologie di borracce

Quali sono le migliori tipologie di borracce da acquistare sia sul piano della sostenibilità meglio performanti da acquistare?
La scelta con la quale si acquistano le borracce avviene in primis sulla base di caratteristiche di ermeticità, infrangibilità, leggerezza e praticità. Poi ci sono altri aspetti comunque importanti come design, facilità di apertura, isolamento termico, diametro del collo. Come detto, bisogna scegliere bene il materiale con cui è realizzata per avere garantiti adeguati standard di salubrità e, molto importante, dev’essere preso in considerazione l’impatto ambientale del materiale con cui è prodotta la borraccia.

Le tipologie di materiali con i quali vengono prodotte le borracce sono essenzialmente le seguenti:

  • Acciaio Inox
  • Alluminio
  • Vetro
  • Plastica

Di seguito verranno analizzate queste tipologie singolarmente, ma prima verrà affrontato il tema dell’impatto ambientale che dovrà andare ad incidere sulla scelta della soluzione.

Impatto ambientale

Il motivo più importante per cui ora si sta diffondendo l’uso di borracce riutilizzabili al posto delle bottigliette monouso è sicuramente causato dall’emergenza generata dall’inquinamento marino e dalla quantità sempre crescente di questi imballaggi che devono essere gestite come rifiuti.

Leggi anche 5 Progetti da adottare per far diventare la tua azienda Plastic Free

Altro aspetto da prendere in considerazione, e per il quale è giusta la scelta di abbandonare il monouso, riguarda l’impatto nella produzione di tali bottigliette in termini di emissioni di CO2. Un impatto assolutamente non sostenibile. Ciò non tanto in termini di emissioni di CO2 derivate dalla produzione di plastica a livello globale, ma piuttosto perché l’utilizzo monouso rende l’impatto in CO2 del PET delle bottiglie, per quanto limitato in termini assoluti, esageratamente elevato in termini relativi, relazionato all’unico utilizzo.

L’impatto dell’alluminio

Prendendo in considerazione acciaio, alluminio e vetro, in termini assoluti hanno un impatto molto più alto del PET utilizzato per le bottiglie ma che, spalmato per le migliaia di utilizzi negli anni, diventa davvero irrisorio in termini relativi.

Volendo creare una classifica di questi materiali bisogna analizzare alcuni aspetti specifici. In linea di massima sono tutti e tre materiali che si possono riciclare al 100% infinite volte ma hanno alcune implicazioni che li differenziano. L’alluminio non è una lega e quindi non ha bisogno di essere diviso per tipologie ed è inoltre, tra questi tre materiali, il meno energivoro per quanto riguarda la propria produzione. A livello mondiale ormai il 90% di questo metallo è prodotto dalla fusione di materiale riciclato e solo la parte restante è ottenuta dall’estrazione di bauxite. Ciò però riguarda solo alcune applicazioni specifiche come la farmaceutica.

L’impatto di vetro e acciaio

Per quanto riguarda vetro e acciaio, benché provengano da industrie diverse, sono simili per quanto riguarda certi aspetti. Di acciaio ne esistono tante leghe e non può essere fuso se non diviso per caratteristiche omogenee, inoltre se non è inox subisce l’ossidazione con una perdita, seppur minima, di materia. Il suo punto di fusione è circa il doppio di quello dell’alluminio dunque risulta essere più energivoro. Il vetro dev’essere diviso per tipologia per essere riciclato e ha un punto di fusione paragonabile a quello dell’acciaio, inoltre, la sua percentuale a livello globale di riciclo non raggiunge quella dell’alluminio.

Il materiale meno impattante

Quindi, per quanto riguarda le emissioni calcolate per la produzione delle borracce, le meno impattanti sono quelle in plastica, seguite da quelle in alluminio e poi da quelle in vetro o acciaio. Molto spesso viene indicata come scelta sostenibile l’utilizzo di imballaggi in plastica riciclata ma bisogna fare attenzione. Infatti vetro, acciaio, alluminio e carta sono riciclati per realizzare nuovi prodotti a uso alimentare in quanto la contaminazione post-consumo non è motivo di preoccupazione essendo generalmente impermeabili ai contaminanti e purificabili ad alte temperature. Ma per la plastica il discorso è ben diverso, tanto che il Regolamento della Commissione Europea sull’impiego di plastica riciclata in materiali a contatto con alimenti prevede che possa provenire solo da processi di riciclo certificati. Nonostante però tutte queste precauzioni, non si può avere piena certezza che le materie plastiche riciclate siano sicure. Molti tipi di plastica assorbono infatti sostanze chimiche durante l’uso e la gestione dei rifiuti che sono difficili da rimuovere durante i processi di riciclo.

Al netto dell’impatto ambientale nella loro produzione, devono però essere considerati altri aspetti molto importanti che andranno ad incidere sulla scelta finale di acquisto. Di seguito saranno analizzati i più importanti aspetti per ogni tipologia di borraccia al fine di creare i presupposti per effettuare una valutazione di costi e benefici.

borraccia acciaio

Borracce in acciaio Inox

  • Punto forte: Resistenza e igiene
  • Punto debole: Prezzo
  • Prezzo: 💰💰💰
  • Sostenibilità: 🌳
  • Salubrità: 👍

L’acciaio, se inossidabile, ha la capacità di resistere alla corrosione nel tempo e quindi dura molto più a lungo rispetto alle altre tipologie. Non necessita di alcun trattamento o rivestimento interno per essere reso sicuro agli usi alimentari ed è inerte nei confronti delle sostanze con le quali viene a contatto non alterando la qualità e il sapore degli alimenti. Oltre a tutto questo è anche resistente, infatti in caso di cadute accidentali la borraccia rimane infrangibile, rischiando al massimo un’ammaccatura. Queste caratteristiche sono dovute alla presenza al suo interno di cromo, infatti quando viene riportata la scritta “acciaio inox 18/10”, significa che nella lega è presente un 18% di cromo e un 10% di nichel.

La Salubrità dell’acciaio inox

Sempre grazie alle proprie caratteristiche chimiche e al fatto di essere inerte, l’acciaio è atossico e perciò meno soggetto alla proliferazione di muffe e batteri, a patto che venga tenuto adeguatamente pulito, non conservando odori e non trasmettendo sapori ai liquidi in esso contenuto. L’unico appunto che si può fare è sul peso, leggermente maggiore rispetto a quello di alluminio e di plastica. La pulizia della borraccia in acciaio può essere generalmente effettuata in lavastoviglie almeno che questa funzionalità sia esplicitamente vietata nelle istruzioni.

borraccia alluminio

Borracce in alluminio

  • Punto forte: Leggerezza
  • Punto debole: Non adatto a tutte le bevande, più facilmente danneggiabile
  • Prezzo: 💰💰
  • Sostenibilità: 🌳🌳
  • Salubrità: 👎

L’alluminio, a differenza dell’acciaio è un metallo tossico che può provocare danni all’organismo quindi non può rimanere a lungo a contatto con cibi e bevande, specialmente se calde. In questo caso può infatti verificarsi un trasferimento di particelle , noto anche come migrazione, di questo materiale all’interno delle sostanze contenute.

Il fatto che l’alluminio non sia inossidabile, nel caso della borraccia rende necessaria l’applicazione di un rivestimento all’interno del contenitore per isolare il metallo dal contatto diretto con la bevanda. Nel caso di rivestimenti di natura plastica, cadute accidentali e usura potevano danneggiarli, esponendo direttamente il metallo alla bevanda rischiando potenziali fenomeni di migrazione. Il rivestimento oggi più diffuso è di tipo ceramico, molto più resistente all’usura, agli urti ed in grado di non alterare il sapore delle bevande contenute al suo interno e non conservare odori. Se lo strato ceramico però dovesse presentare irregolarità e increspature è possibile la formazione e proliferazione di muffe e batteri.

Le tue risorse aziendali meritano un ambiente plastic-free, comincia da qui. Contatta Sfridoo per un preventivo sulle migliori borracce plastic-free per la tua impresa. Comunica il tuo impegno plastic-free con Sfridoo.

Una caratteristica favorevole di questo metallo è indubbiamente la leggerezza ma che è da pesare insieme alle caratteristiche sopra citate. Altro aspetto importante da prendere in considerazione è: per quale contenuto si vuole utilizzare la borraccia. Dato che, in diversi casi, le istruzioni indicano chiaramente il divieto di contenere liquidi grassi (latte, oli), bevande acide (succhi di frutta, bevande energetiche, limonata) o calde.

borraccia vetro

Borracce in vetro

  • Punto forte: Il più salubre
  • Punto debole: Pesantezza e fragilità
  • Prezzo: 💰💰💰
  • Sostenibilità: 🌳
  • Salubrità: 👍

Il vetro è sicuramente il materiale più inerte che ci sia, soprattutto se parliamo di materiali che devono venire a contatto con sostanze alimentari. Al di là di questo, il vetro però non è particolarmente utilizzato per produrre borracce. Essendo il materiale maggiormente inerte dal punto di vista chimico, una borraccia in vetro non conserva gli odori dei liquidi contenuti e non presenta rischi di formazione di sostanze batteriche. Di contro è il più pesante tra i materiali utilizzati nella produzione di borracce e soprattutto è il più fragile.

Per realizzare questo tipo di borracce si utilizza solitamente vetro boro-silicato che consente una loro applicazione per bevande a qualsiasi tipo di temperatura, essendo resistente agli sbalzi termici, e a qualsiasi tipo di bevande, siano esse acide o grasse.

borraccia plastica

Borracce in plastica

  • Punto forte: Costo
  • Punto debole: Deteriorabilità, Conservazione dei liquidi
  • Prezzo: 💰
  • Sostenibilità: 🌳🌳🌳
  • Salubrità: 👎

Anche se può sembrare una contraddizione l’uso di plastica per eliminare il consumo di plastica ci piace ricordare che Plastic-free non significa bandire la plastica in toto ma solo quella monouso. A questo proposito l’uso di una borraccia in plastica è paritetico a quello di una di un altro materiale, al netto delle differenze riportate in questo articolo, perché l’importante è eliminare il monouso.

Leggi anche Cosa significa davvero essere Plastic-free?

La borraccia in plastica rappresenta sicuramente la soluzione più economica. Si consiglia comunque di diffidare da offerte troppo economiche perché potrebbe essere sinonimo di scarsa qualità dei materiali. Quanti di noi, ad esempio, hanno utilizzato la classica borraccia da bicicletta e ne conoscono i pregi di leggerezza e resistenza agli urti. Le borracce di plastica destinate all’uso quotidiano si discostano di poco da quei modelli.

La borraccia in plastica si rivela però inadatta a conservare i liquidi ad una temperatura costante e a preservare la qualità del suo contenuto. Il sapore dell’acqua o della bevanda si può alterare, soprattutto se si tratta di bevande calde o se la borraccia viene esposta a lungo a fonti luminose o di calore.

Perchè fare attenzione se si sceglie la plastica

Le plastiche maggiormente utilizzate per la produzione di borracce sono il tritan, il polipropilene e il PET. Indipendentemente dal polimero usato, le borracce in plastica hanno un rischio di migrazione di sostanze potenzialmente pericolose che è comunque minimizzato, alla luce del fatto che, se legalmente commercializzate devono sottostare a standard normativi definiti a livello comunitario. Sono definiti specifici criteri di composizione e test di migrazione con prove che prendono in esame i livelli di sostanze nocive rilasciate durante utilizzi prolungati nel tempo. Tuttavia la plastica, pur essendo durevole, può rovinarsi dopo lunghi utilizzi o per colpa di danneggiamenti della parte interna che suggeriscono di sostituirla dato che fenomeni di migrazione di sostanze indesiderate potrebbero verificarsi proprio dai punti più degradati.

Generalmente sono lavabili in lavastoviglie e utilizzabili con tutti i tipi di bevande anche calde, ma è sempre bene verificare in etichetta che non ci siano limitazioni. Errori nell’utilizzo possono danneggiare prematuramente l’articolo o portare alla migrazione di sostanze.

Accessori

Le borracce possono, come si è visto nel caso dell’alluminio, essere costituite da più materiali per migliorare le prestazioni e aumentarne la praticità. A queste esigenze si aggiunge in diversi casi la volontà di creare oggetti di design. Questo può portare all’arricchimento con accessori in materiali diversi da quello base.

Oltre a guaine, interne o esterne, questa eventualità riguarda soprattutto i tappi che, al fine di garantire la mancanza di perdite, possono essere muniti di guarnizioni quasi sempre in silicone. Questo materiale è ottenuto dal silicio, a cui sono aggiunte alcune sostanze chimiche e una volta a fine vita può essere trasformato in olio lubrificante industriale. Non è un materiale inerte perciò bisogna mantenerlo pulito, controllare che non si formino muffe e sostituirlo una volta che si presentassero segni di deterioramento. Alcune borracce sono munite di un “anello” di ricambio. I tappi possono inoltre essere in altri materiali, per esempio legno o bamboo, munite di moschettone o di filtri che dosano l’uscita delle bevande.

Conclusioni

Sono veramente tante le opzioni presenti sul mercato per chi ha intenzione di abbandonare il monouso. L’imbarazzo della scelta riguarda il design, il colore, la presenza di grafiche, gli accessori, ma al netto di tutto ciò, la scelta che ci sentiamo di consigliare è quella di optare per la borraccia in acciaio inox, che racchiude in se il migliore rapporto tra qualità, prezzo, sostenibilità e salubrità.

Da oggi disponibile GRATIS l’estratto della Guida Plastic-free per uffici, sale ristoro e aree break, scaricalo subito.

Se questo articolo ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividilo con colleghi, amici e persone che potrebbero essere interessate. Nel frattempo, se vuoi ricevere mensilmente la raccolta degli articoli pubblicati su Sfridoo, puoi iscriverti alla Newsletter o seguire Sfridoo su LinkedInFacebook e Twitter, per entrare di diritto nel Network dell’Economia Circolare.

Leggi anche

prodotto ricondizionato refurbished
di Marco Battaglia 29 Ottobre 2019

Economia Circolare

4 motivi per capire cos’è un prodotto Ricondizionato o Refurbished

Indice Premessa Cos’è un prodotto ricondizionato e cosa significa? Perché scegliere un prodotto ricondizionato? 1. Condizione 2. Garanzia 3. Prezzo 4. Risparmio Dove trovare i prodotti ricondizionati? Backmarket Swappie Dove poter conferire prodotti ricondizionati? Premessa Cos’è un prodotto ricondizionato? Oggigiorno larga parte della popolazione mondiale ha con sé almeno un dispositivo elettronico: dai telefoni cellulari/smartphone […]

Scopri i nostri servizi