cosa significa plastic-free

Cosa significa davvero essere Plastic-free?

Cosa si intende con "Plastic-free" e perché oggi viene così tanto utilizzato questo termine? La plastica è un elemento da demonizzare o piuttosto da gestire al meglio? Scopriamolo assieme nell'approfondimento della settimana

  • 4

Economia Circolare Pubblicato il 23 Novembre 2019

Indice

  1. Introduzione
  2. Non demonizziamo la plastica
  3. Quale plastica va sostituita?
  4. Cosa significa essere Plastic-free
  5. Il caso britannico
  6. Conclusioni

Introduzione

Cosa significa essere Plastic-free? Scopriamo in pochi punti la vera natura di questo slogan. Ciò che sembra scontato nasconde una realtà più complessa che è bene scoprire per riconoscere progetti veramente efficaci e distinguerli dal greenwashing.

La plastica è senza dubbio il materiale ad oggi più presente tra gli inquinanti delle acque e di altri ecosistemi. Il fatto che questo materiale sia derivato dal petrolio non fa altro che aumentarne la cattiva fama. D’altro canto, le sue caratteristiche le hanno permesso di essere utilizzata in diversi ambiti, contribuendo al miglioramento della qualità della vita. Si pensi alle applicazioni in ambito sanitario, logistico e alimentare. In questi settori si sono raggiunti con l’ausilio della plastica miglioramenti delle condizioni igieniche, di conservazione e di trasporto.

Detto questo, oggi nei mari e negli oceani si trova davvero di tutto e anche rifiuti ingombranti. E’ però innegabile che il numero di oggetti e imballaggi monouso sia spropositato. Eliminare la plastica per combattere l’inquinamento sembra essere diventata la parola d’ordine.

Ma tutti gli oggetti in plastica? La plastica è sempre da sostituire? La risposta è no. Ma vediamo assieme perché.

Non demonizziamo la plastica

Esiste plastica che per ora non si può sostituire ed altra per la quale non c’è la necessità di farlo. I motivi sono essenzialmente due:

Il primo è che la plastica per molti dei suoi usi non è ancora sostituibile in quanto non ci sono materiali in grado di garantire le sue prestazione riguardo a flessibilità e igiene. Un caso esemplare è quello sollevato a proposito delle cannucce. Queste fanno parte degli oggetti vietati dal 2021 dalla recentissima Direttiva europea sulla plastica monouso. L’alternativa riutilizzabile è costituita da quelle in acciaio che però, è stato fatto notare, non possono essere utilizzate dalle persone disabili. Per loro è già pronta una deroga. Rimanendo in ambito sanitario è chiara la insostituibilità dei presidi medici, ma non è questa l’obiettivo del Plastic-free e nemmeno della Direttiva.

Il secondo motivo, è che esistono moltissimi oggetti in plastica che non sono monouso, utilizzati per periodi molto lunghi. Si sta parlando per esempio di forniture per ufficio e arredi. Questi non possono essere nel mirino del Plastic-free in quanto l’impatto ambientale relativo la loro produzione è spalmato sui lunghi tempi e i molteplici usi e quindi in questo caso la scelta della plastica è paragonabile a quella di qualsiasi altro materiale durevole.

Quale plastica va sostituita?

Dov’è che invece la plastica è da sostituire o eliminare è dove il suo utilizzo monouso è insensato e sono presenti alternative davvero sostenibili. Queste riguardano innanzitutto le abitudini dei consumatori che devono virare per oggetti riutilizzabili e solo come opzione secondaria la sostituzione con altri monouso in materiali sostenibili, riciclati, riciclabili.

Sono molte e stanno aumentando ad oggi le realtà, aziendali e non, che hanno adottato progetti Plastic-free volti alla riduzione o eliminazione dell’uso della plastica. Tendenza iniziata all’estero ed in particolare nel mondo anglosassone, ha recentemente preso piede anche in Italia. Tra le misure più gettonate vi è la sostituzione degli oggetti in plastica con le alternative biodegradabili e compostabili, oppure il ricorso al semplice acquisto delle bottiglie in alluminio o acciaio riutilizzabili.

Leggi anche 5 Progetti da adottare per far diventare la tua azienda Plastic Free

Ad oggi ciò che riguarda la reale sostenibilità delle soluzioni compostabili sono un tema dibattuto e controverso, ma la bilancia sembra per ora pendere verso una riserva nei loro confronti. Allo stato attuale dei riscontri con i destinatari del materiale, sembrano non essere apprezzati: tendono a non assimilarsi bene nel compost o nel digestato e la loro produzione ha un impatto in emissioni di CO2 per ora superiore rispetto quello delle plastiche di origine fossile, che godono di processi produttivi maggiormente ottimizzati. A questo proposito, giunge in aiuto un Rapporto delle Nazioni Unite che mette in guardia i cittadini da quelle che sono delle interpretazioni errate sull’argomento plastiche alternative e inquinamento marino.

Cosa significa essere Plastic-free

Ciò che quindi può derivare da un errata interpretazione del Plastic-free può portare a soluzioni addirittura più dannose delle precedenti o a demonizzare la plastica come materiale in toto. Ciò sembra proprio quello che sta accadendo ora. Essere Plastic-free invece significa rinunciare agli oggetti monouso in plastica laddove esistano già alternative riutilizzabili presenti sul mercato che consentano di mantenere le necessità di igiene, conservazione e integrità.

Leggi anche Come hanno fatto queste 8 aziende a diventare Plastic-free

Un discorso più approfondito meriterebbe invece l’utilizzo della plastica negli imballaggi di confezionamento e spedizioni utilizzati dalle aziende. Eliminare poi la plastica dai processi produttivi non è inquadrabile nel concetto di Plastic-free in quanto appartiene a quello vero e proprio di eco-design, la ri-progettazione dei prodotti, al fine di mantenerne o migliorarne le prestazioni ma abbassandone l’impatto ambientale riguardante l’intero ciclo di vita.

Il caso britannico sul Plastic-free

Risale al giugno 2018 la notizia della prima cittadina ad aver ricevuto il riconoscimento di Plastic-free nel Regno Unito, trattasi di Chepstow situata sulla costa gallese. A conferire questo riconoscimento l’organizzazione benefica per la conservazione marina Surfers Against Sewage che negli ultimi anni ha rivolto la propria attenzione all’inquinamento da plastica negli oceani. Ma perché scrivere di questa piccola realtà così lontana da noi, soprattutto ora che il Regno Unito è uscito dall’Unione Europea? Perché è forse l’esempio più chiaro di come l’emergenza dovuta alla presenza di plastica negli ecosistemi sia finita per demonizzare un materiale piuttosto che la sua impropria declinazione a determinati usi.

La vicenda inizia quando il municipio di Chepstow ha chiesto all’organizzazione benefica di appoggiare pubblicamente la propria iniziativa di ritiro di tutti gli oggetti monouso in plastica da tutti i locali pubblici del paese. Questa iniziativa prese il nome di “Plastic-free Market“. Il Comune, una volta ottenuto l’appoggio dell’associazione benefica, ha pensato di apporre sulla porta all’ingresso del paese un banner di benvenuto…in plastica. Da qui si sono scatenate le critiche e i commenti sarcastici ai quali il Comune ha risposto producendo un nuovo manifesto in canvas ottenuto da stralci di seconda mano. Purtroppo questo gesto, teso a rimediare il danno d’immagine, ha portato al conseguente problema che questo telo si può utilizzare solo con meteo stabile e senza pioggia, cosa che in Galles difficilmente capita.

La vicenda rimane emblematica: il banner non è un oggetto monouso e in questo caso la plastica offre caratteristiche che altri materiali non detengono. Questo striscione doveva potersi arrotolare, essere flessibile, resistere a vento, pioggia e salsedine mantenendo le scritte leggibili e durare anni senza deteriorarsi.

Conclusioni

Per non fare la fine del Sindaco di Chepstow, che irriso ha dovuto ordinare un nuovo striscione in tessuto che oggi è in bella mostra nel municipio della cittadina al chiuso, è bene essere informati su ciò che vuol dire essere Plastic-free e ciò che non lo è. E’ necessario un approccio professionale e con una formazione specifica sul tema, soprattutto se ciò è propedeutico all’intenzione di implementare un progetto per la propria organizzazione.

In questo, Sfridoo, la start-up italiana dell’Economia Circolare, ti può aiutare con le proprie esperienza e competenza. E’ già disponibile la prima e unica Guida Plastic-free in Italia, con la quale in completa autonomia, puoi eliminare la plastica monouso da uffici, aree ristoro e zone break.

Scarica subito l’estratto gratuito della Guida e continua a seguire gli aggiornamenti sul tema Plastic-free

Se questo articolo ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividilo con colleghi, amici e persone che potrebbero essere interessate. Nel frattempo, se vuoi ricevere mensilmente la raccolta degli articoli pubblicati su Sfridoo, puoi iscriverti alla Newsletter o seguire Sfridoo su LinkedInFacebook e Twitter, per entrare di diritto nel Network dell’Economia Circolare.

Leggi anche

prodotto ricondizionato refurbished
di Marco Battaglia 29 Ottobre 2019

Economia Circolare

4 motivi per capire cos’è un prodotto Ricondizionato o Refurbished

Indice Premessa Cos’è un prodotto ricondizionato e cosa significa? Perché scegliere un prodotto ricondizionato? 1. Condizione 2. Garanzia 3. Prezzo 4. Risparmio Dove trovare i prodotti ricondizionati? Backmarket Swappie Dove poter conferire prodotti ricondizionati? Premessa Cos’è un prodotto ricondizionato? Oggigiorno larga parte della popolazione mondiale ha con sé almeno un dispositivo elettronico: dai telefoni cellulari/smartphone […]

Scopri i nostri servizi