Un esempio di economia circolare tutto italiano

  • 0

Economia Circolare Pubblicato il 15 Dicembre 2017

Dal legno usato ai mobili o ai contenitori per la raccolta differenziata: un esempio di economia circolare appartenente al panorama delle aziende italiane. Non è un’utopia ma l’impegno di un gruppo di ragazzi che ha a cuore l’ambiente, vitale per il nostro essere.

Si chiama Eco Wood, Società a Responsabilità Limitata, che ha preso vita nel lontano 1996 a Rovato, in provincia di Brescia. Il materiale su cui si fonda questa azienda è il legno, sì, ma più precisamente il pallet, che, in parole spicciole, viene riciclato e trasformato in mobili, per un eco design di tutto rispetto.

“Sviluppiamo in ogni sua essenza il settore del legno per essere riconosciuti a livello nazionale come un esempio di economia circolare”

Il loro punto di partenza consisteva nel concetto secondo cui il pallet per la spedizione delle merci non debba essere necessariamente nuovo. Con gli anni e con i cambiamenti che ne conseguono, però, Eco Wood si è sviluppato e indirizzato verso un’economia più sostenibile orientata al riciclo di prodotti che altrimenti sarebbero diventati un rifiuto, diventando così un esempio di economia circolare.

Il processo di recupero parte dai materiali legnosi provenienti dalle aziende di tutta la Lombardia, che vengono recuperati secondo procedimenti specifici e successivamente sviluppati complementi di arredo e un contenitore per la raccolta differenziata, oltre ad alimentare la centrale termica che consente il riscaldamento dello stabilimento e la produzione di energia elettrica.

La linea di prodotti comprende diverse aree quali pallet in legno, smaltimento e cippato, legna da ardere e pellet e, infine, l’arredamento eco-design. C’è anche la possibilità di personalizzare l’oggetto con diverse finiture. Un plus che si accompagna come sempre all’attenzione per l’ambiente e per il riciclo, principio indiscusso della società.

Alberto Menichini (responsabile Area tecnica), Michaela Cima (responsabile Area rifiuti) e Riccardo Menichini (responsabile Commerciale), il team che vuole essere un esempio di economia circolare – “fin dalla nostra nascita gli obiettivi sono stati ambiziosi, e abbiamo cercato di raggiungerli adeguandoci in breve tempo alle normative sui rifiuti di imballaggi in legno, secondo il quale il pallets, uscendo dal suo ciclo di vita, diventa a tutti gli effetti un rifiuto”.

Leggi anche

sfridoo cos'è end of waste
di Marco Battaglia 14 Giugno 2019

Rifiuti

Cos’è l’End of Waste? Ultimi aggiornamenti e criticità di un tassello fondamentale per l’economia circolare

Cosa significa End of Waste e per quale motivo può rappresentare un tassello dell’economia circolare? Una breve indagine nel mondo dei nuovi prodotti derivanti dai rifiuti e nelle normative che si sono succedute nel settore della gestione ambientale. Oggi la definizione dell’economia circolare insegue modelli per cui le aziende concorrano alla creazione di simbiosi industriali per cui scarti generati da un processo possano diventare nuove materie per un altro processo produttivo.

5 buoni motivi per capire il sottoprodotto
di Marco Battaglia 11 Maggio 2019

Rifiuti

5 buoni motivi per capire cos’è un Sottoprodotto

Spesso il termine sottoprodotto rimane un vero e proprio mistero. Una chimera normativa che molte aziende, pur di rimanere all’oscuro di tutta la normativa ambientale e della gestione dei rifiuti/prodotti a fine vita, evitano. Capita spesso di confrontarsi con aziende che avrebbero le opportunità normative e tutti i vantaggi economici ed ambientali per affrontare questo passaggio di gestione, eppure non si riesce ad arrivare a una risposta positiva nel procedere per questa strada virtuosa.

Scopri i nostri servizi