La LCC è uno strumento utile alle aziende per capire i costi di ogni step del Ciclo di Vita di un prodotto o servizio, dalla sua pre-produzione alla dismissione finale

Cos'è il Life Cycle Costing e perché è importante per il tuo business?

La LCC è uno strumento utile alle aziende per capire i costi di ogni step del Ciclo di Vita di un prodotto o servizio, dalla sua pre-produzione alla dismissione finale

  • 0

Aziende Pubblicato il 30 Luglio 2020

Indice

 

Cos’è il Life Cycle Costing?

La Valutazione del Costo del Ciclo di Vita (Life Cycle Costing – LCC) è il metodo utilizzato per calcolare il costo economico dell’intero Ciclo di Vita di un prodotto o servizio, partendo dalle fasi precedenti la produzione fino alla sua dismissione finale, con lo scopo di ridurre al minimo i costi di produzione.

Leggi anche LCA: uno strumento fondamentale per la tua azienda

Nell’ottica di una gestione per la produzione efficiente, il metodo LCC permette di mettere in relazione i dati quantitativi legati ai costi di un prodotto o servizio, per di acquisire una overview sul Costo del Ciclo di Vita volta a produrre un risparmio finanziario, e di tempo, all’interno del processo di pre-produzione, produzione e dismissione. 

L’obiettivo finale è quello di ottenere una migliore sostenibilità economica del proprio prodotto o servizio.

Leggi anche Cos’è la Social LCA e perché dovresti usarla nel tuo business?

Come si calcola la LCC

Condurre una Valutazione del Costo del Ciclo di Vita di un prodotto/servizio aiuta a predire i costi che le aziende devono sostenere per mettere sul mercato un nuovo prodotto, dalla pre-produzione alla sua dismissione. 

Per calcolare il Costo del Ciclo di Vita di un prodotto o servizio bisogna tenere in considerazione le seguenti variabili di costo:

  • acquisto e installazione;
  • fase d’uso dei prodotti, per esempio i costi legati all’elettricità, il gas, l’acqua, …;
  • manutenzione e mantenimento;
  • dismissione.

Dal punto di vista formale è possibile rappresentare il concetto in questo modo:

LCC = Costo di acquisto + Costo di manutenzione e di riparazione + Consumo di acqua + Consumo di energia + Costo di sostituzione-valore residuo + Costo di smaltimento.

Risorse intangibili 

Nel calcolare il Costo del Ciclo di Vita di un prodotto si tiene conto anche delle risorse intangibili di un’azienda, come i brevetti, il brand e la reputazione. 

Anche per le risorse intangibili l’analisi LCC prevede la quantificazione monetaria del costo inerente all’acquisto e al mantenimento di queste risorse. 

Per fare un esempio, i costi legati al brand si riferiscono allo sviluppo di un marchio, alla registrazione del nome, alla costruzione di un sito web e alle spese per il marketing.

Perché è importante per la tua azienda in 3 punti

Un’analisi LCC aiuta le aziende a stimare, in termini monetari, il costo delle proprie risorse tangibili e intangibili. 

Alcune delle ragioni per cui adottare il metodo LCC può guidare le decisioni che riguardano il proprio business aziendale sono:

1. Decidere tra due o più risorse 

Il metodo LCC permette di prendere decisioni di acquisto molto più consapevoli. Per esempio, la valutazione del Costo del Ciclo di Vita di un prodotto o servizio tiene in considerazione anche la manutenzione che potrebbe essere decisiva all’acquisto di determinate materie prima a scapito di altre.

I risultati della LCC permettono alle aziende di fare investimenti intelligenti: quando si deve decidere per quali risorse optare, non si deve considerare solo il loro prezzo, ma il costo generale che l’adozione di quelle determinate risorse avrà sull’intero Costo del Ciclo di Vita del prodotto o servizio in questione.

2. Determinare i benefici che le risorse scelte apportano al proprio business

Valutare se comprare o no una determinata risorsa è molto importante per il proprio business. 

Usando il metodo LCC si può facilmente predire se il ROI (Return of Investment) di una determinata risorsa vale l’investimento che si vuole compiere. 

Per un ROI accurato bisogna tenere conto del costo iniziale di acquisto di una risorsa, più i costi futuri legati ad essa.

3. Creare budget accurato

Quando si è venuti a conoscenza del costo totale delle risorse che si vogliono compare, si può creare un budget che rappresenta le spese attuali della propria azienda: in questo modo i costi del business aziendale non saranno sottostimati. 

Per definire un budget accurato si devono tenere in considerazione:

  • costi;
  • ricavi;
  • utile.

Se si sottostimano i costi di budget, si sovrastimeranno gli utili dell’azienda, con il rischio di avere un cash flow negativo.

3 tipi di LCC

Se la Life Cycle Assessment considera gli aspetti ambientali e la Social Life Cycle Assessment quelli sociali, la LCC completa i tre pilastri della sostenibilità considerandone gli aspetti economici.

Possono essere identificati tre tipi di LCC: 

  • convenzionale;
  • ambientale;
  • sociale

La LCC convenzionale 

È il tipo di LCC più utilizzato e si basa su una valutazione economica che tiene in considerazione tutti i costi nelle varie fasi del Ciclo di Vita di un prodotto o servizio, generalmente sostenuti da un solo attore coinvolto nella catena produttiva (produttore o consumatore). I costi indiretti – o esterni – sostenuti dall’attore preso in considerazione non vengono calcolati.

Infine, spesso non viene analizzato il Ciclo di Vita nel suo complesso. Oltre a questo la fase di fine vita di un prodotto o servizio non è mai inclusa nell’analisi LCC.

La LCC ambientale

Nell’analisi LCC ambientale vengono considerati i costi relativi al Ciclo di Vita di un prodotto o servizio, sostenuti dagli attori coinvolti. Vengono presi in considerazioni anche i costi definiti da fattori esterni e situazionali rispetto al Ciclo di Vita, in modo tale da internalizzarli all’analisi.

La LCC ambientale è complementare all’analisi LCA perché hanno in comune lo stesso modello di sistema di prodotto. Quindi LCC ambientale ed LCA sono considerate due analisi complementari, infatti nella LCC ambientale è richiesta anche l’analisi LCA.

Questo tipo di LCC è stato sviluppato da un Working Group (Hunkeler et al., 2008) di SETAC (Society of Environmental Toxicology and Chemistry), che ha dato origine alle linee guida sulla metodologia della LCC ambientale, in congiunzione con la LCA.

La LCC sociale

Questo tipo di LCC si differenzia dalle LCC convenzionale e ambientale perché prende in considerazione tutti gli stakeholder non direttamente collegati con il sistema produttivo di un prodotto o servizio.

Per saperne di più è consigliata la lettura del libro Environmental Life Cycle Costing (2008) di D. Hunkeler, K. Lichtenvort e G. Rebitzer.

Gare d’appalto pubbliche seguendo il GPP

L’analisi dei Costi degli impatti ambientali associati a beni e servizi è una fase importante per chi volesse accedere alle gare d’appalto pubbliche, seguendo il GPP (Green Public Procurement).

Ciò che regola il GPP è il Codice Appalti e ss.mm.ii, art. 96 – con riferimento alla direttiva comunitaria sugli appalti (art. 67) che parla specificatamente di Life Cycle Costing.

Per conoscere le linee guida sull’applicabilità della LCC agli appalti pubblici ecologici: qui c’è il documento in pdf

Si può usare questo strumento in fasi differenti della gara d’appalto:

Ricerca e comparazione di possibili soluzioni mirate a definire la risposta ottimale 

In questa fase lo scopo dell’analisi LCC è quello di definire, sulla base delle proprie esigenze e necessità, quali solo le soluzioni più efficienti, sia dal punto di vista ambientale, sia da quello economico. 

La definizione e comparazione delle soluzioni più efficienti avvengono all’interno delle ipotesi di risposte possibili alle esigenze pratiche.

Comparazione delle diverse offerte 

In questo caso la comparazione delle diverse offerte avviene all’interno della gara d’appalto e consiste nel valutare, dal punto di vista della sostenibilità economica, differenti offerte.

In questo caso l’inserimento dell’analisi LCC nelle gare d’appalto può avere diverse modalità: per esempio si potrebbe assegnare un punteggio alto alle offerte che hanno LCC più bassi, oppure si potrebbe optare per l’inserimento di un requisito vincolante, come quello di avere una LCC inferiore a una determinata cifra, all’interno di un determinato arco temporale.

Monitoraggio e valutazione dei benefici economici derivanti da una scelta ambientale più o meno ecologica 

In questo caso l’obiettivo è quello di stimare economicamente i vantaggi apportati da scelte ambientali più o meno ecologiche. Questa valutazione avviene in funzione delle applicazioni di future scelte dell’ente pubblico o del bene in oggetto, sulla base dei benefici ambientali ed economici.

La LCC di solito è calcolata, dagli acquirenti pubblici o privati, nel momento dell’acquisto di un prodotto, un bene o un servizio. In questo senso, l’analisi dei costi comprende, oltre al costo di acquisto, il costo di mantenimento, di utilizzo e delle tasse.

I vantaggi del metodo

I vantaggi della LCC sono:

  • in base ai risultati, la definizione di azioni tempestive per generare guadagno, o per abbassare i costi della catena di produzione di un prodotto o servizio;
  • una presa di decisione efficiente in base alle valutazioni eseguite sui profitti e sui costi, all’interno di un determinato step del Ciclo di Vita;
  • ottenimento di valutazioni accurate e realistiche sul Costo del Ciclo di Vita dei prodotti;
  • previsione accurata, nel lungo termine, dell’utile aziendale;
  • previsione dei costi relativi a tutto il Ciclo di Vita di un prodotto o servizio;
  • consapevolezza da parte delle aziende di quale step del Ciclo di Vita si trova un prodotto o servizio, in modo tale da poter agire tempestivamente sui suoi costi.

Conclusioni

Per concludere la trilogia di articoli sui tre pilastri della sostenibilità (ambientale: LCA; sociale: Social LCA; economica: LCC), l’analisi dei Costi del Ciclo di Vita di un prodotto o servizio è utile alle aziende per prevedere, monitorare e compiere scelte a lungo termine che si basano sul rapporto tra costo e guadagno. 

Infatti, l’analisi LCC è fondamentale per la valutazione delle scelte sulla sostenibilità economica del proprio prodotto o servizio, in modo tale da optare per l’investimento economico più sostenibile.

Inoltre, la LCC risulta complementare all’analisi LCA nel caso in cui si volesse accedere ai GPP e, quindi, valutare un bene o servizio nell’ottica di una sostenibilità sia economica, sia ambientale. 

Infine, integrare l’analisi LCC con LCA e Social LCA è la strategia più efficiente per ottenere un punto di vista valido e oggettivo su tutto ciò che riguarda la decision making aziendale in termini di sostenibilità. 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividilo con colleghi, amici e persone che potrebbero essere interessate. Nel frattempo, se vuoi ricevere ogni due settimane la raccolta dei contenuti pubblicati su Sfridoo, puoi iscriverti alla Newsletter o seguire i canali social di Sfridoo, per entrare di diritto nel Network dell’Economia Circolare.

 

Crediti 

 

 

Leggi anche

Scopri i nostri servizi