direttive sottoprodotti

I requisiti e le modalità del Decreto sui sottoprodotti

  • 0

Economia Circolare Pubblicato il 31 Gennaio 2018

Come è stato già ribadito, il recente Decreto Ministeriale n. 264 del 13 ottobre 2016, si applica alla disciplina dei sottoprodotti, apportando degli aggiornamenti per quanto riguarda la definizione, la classificazione e i requisiti. Il Decreto sui sottoprodotti infatti, impone la distinzione di tre tipologie di residui di produzione industriale: il prodotto, cioè  ogni  materiale o sostanza che derivi da un processo di produzione o risultato di una scelta tecnica; il residuo di produzione, vale a dire ogni  materiale  o sostanza che non è deliberatamente prodotta in un processo di produzione e che può essere o non essere un rifiuto; il sottoprodotto: un residuo di produzione che non costituisce un rifiuto ai sensi dell’articolo 184-bis del  Decreto Legislativo n. 152 del 3 aprile 2006.

Il nuovo Decreto sui sottoprodotti comprende le modalità con le quali si definiscono sottoprodotti i rifiuti, anche se esse comportano delle complicazioni

Il Decreto sui sottoprodotti definisce i criteri secondo i quali le sostanze si considerano sottoprodotti e non rifiuti, oltre che alcune modalità con le quali si dimostra che sono soddisfatti i requisiti. Ma attenzione, le modalità, secondo la legge, non sono altro che delle indicazioni con le quali il detentore  può dimostrare che sono soddisfatte le condizioni generali per far sì che sottoprodotto sia definito tale.

Tuttavia, il Decreto sui sottoprodotti prevede che in mancanza dell’ “esistenza di rapporti o impegni contrattuali tra il produttore del residuo, eventuali intermediari e  gli utilizzatori”, il requisito della certezza dell’utilizzo e l’intenzione di non disfarsi  del residuo sono dimostrati attraverso una scheda tecnica contenente le informazioni sul sottoprodotto stesso, dall’impiego previsto, alle caratteristiche, all’attività per cui è utilizzato. Le caratteristiche di questa scheda consistono in nuovi obblighi, per i produttori e gli utilizzatori dei sottoprodotti, che sono analoghi a quelli relativi alla gestione dei rifiuti, senza che esista una norma di legge che lo preveda esplicitamente. Devono essere numerate, vidimate e gestite con le procedure e le modalità fissate dalla normativa sui registri IVA dalle Camere di Commercio territorialmente competenti.

Sia nel caso in cui il produttore possa dimostrare l’esistenza di rapporti o impegni contrattuali tra il produttore del residuo, eventuali intermediari e gli utilizzatori, sia nel caso in cui il produttore predisponga invece la scheda tecnica, egli deve conservare per tre anni e rendere disponibile all’autorità di controllo la documentazione indicata per le specifiche ipotesi.

Anche se il Decreto sui sottoprodotti è stato aggiornato e ha l’obiettivo di ridurre i rifiuti per renderli residui di produzione successivamente riutilizzabili, resta il fatto che le norme contenute nel Decreto non semplificano gli obiettivi stessi dell’utilizzo dei residui di produzione.

Leggi anche

di Sfridoo Staff 17 Febbraio 2019

Economia Circolare

L’economia circolare è un’opportunità d’oro. Non sprechiamola

Questo articolo fa parte della riunione annuale del World Economic Forum Il cuore dell’accordo di Parigi ha come obiettivo quello di mantenere la temperatura globale in rialzo ben al di sotto dei 2 °C. Al momento l’opinione pubblica è rivolta soprattutto all’energia, all’efficienza energetica e alle energie rinnovabili. Eppure dietro l’angolo si nascondono opportunità molto grandi, una […]

ikea netflix sfridoo
di Marco Battaglia 7 Febbraio 2019

Aziende

IKEA come Netflix: ora i mobili si possono affittare

La sfida di IKEA verso il rispetto dei principi dell’Economia Circolare si fa sempre più concreta. L’azienda svedese inizierà a noleggiare mobili come tentativo di costruire un business più rispettoso dell’ambiente, dichiarando di voler testare l’idea di noleggiare mobili per ufficio, come scrivanie e sedie, per i clienti commerciali. Per le cucine l’azienda ha un’idea di sviluppo successiva: […]

loop sfridoo
di Marco Battaglia 28 Gennaio 2019

Green Marketing

Loop, la piattaforma di vendita al dettaglio basata su packaging riutilizzabile

Dopo la presentazione al Sustainability Summit 2018 di The Economist, da parte di Tom Szaky, fondatore e CEO di TerraCycle, il sistema Loop – si chiama così la piattaforma di riutilizzo pensata dall’azienda statunitense – si affianca ad altri importanti brand per eliminare gli sprechi legati al packaging dei prodotti di consumo domestico. Come viene definito il progetto […]

Scopri i nostri servizi