sottoprodotti settore cartaceo

I residui del settore cartario sono sottoprodotti?

  • 0

Economia Circolare Pubblicato il 30 Gennaio 2018

L’industria della carta è un campo lavorativo caratterizzato dal massiccio utilizzo di materie prime e da una forte intensità di investimento. Nella produzione della carta sono fondamentali due elementi, l’energia, nella maggior parte dei casi autoprodotta dalle fabbriche stesse, e l’impiego delle risorse idriche. Per ottimizzare queste risorse i residui del settore cartario sono sempre più soggette ai processi di recupero e di riciclo, tanto da divenire uno degli aspetti più importanti sul piano dei competitor. Lo scopo è ovviamente quello di ridurre l’impatto ambientale provando a richiedere meno materie prime (puntando a quelle riciclate), e ad abbassare i livelli di energia non autoprodotta.

Inclusi nel C.E.R. i residui del settore cartario appartengono alla categoria dei sottoprodotti come previsto dal Testo Unico Ambientale

Dato che tali fabbriche producono quantità basse di rifiuti, che sono classificati come non pericolosi, è bene che i residui del settore cartario vengano avviati verso processi di smaltimento in discarica oppure riutilizzati come sottoprodotti.

Stando alle norme giuridiche, con l’art. 184-bis del Testo Unico Ambientale (TUA), i requisiti funzionali del sottoprodotto sono stati semplificati e accolti in maniera positiva dalle imprese che hanno a che fare con lo sfruttamento di residui di produzione, poiché secondo la nuova disciplina, gli scarti divengano liberamente commerciabili come qualsiasi altra merce. Rispetto ai rifiuti, il sottoprodotto risulta un elemento che l’impresa intende sfruttare o commercializzare a condizioni più favorevoli.

Per quanto riguarda i residui del settore cartario, essi sono divisi in fanghi di cartiera e i cosiddetti “scarti di pulper”, meglio conosciuti come carta da macero. I primi, suddivisi in diverse tipologie, sono sempre più utilizzati nella produzione di altra carta, nell’industria dei laterizi, nei cementifici, per il ripristino ambientale e la copertura delle discariche, nei conglomerati edilizi, nei rilevati e nei sottofondi stradali. I fanghi di cartiera, se sottoposti a essiccamento, potrebbero essere utilizzati in cartiera per la produzione di energia, contribuendo al fabbisogno energetico degli impianti produttivi e sottraendo agli impianti di smaltimento quantità rilevanti di rifiuti. I secondi si riferiscono al trattamento della carta da macero: per questi residui del settore cartario la disciplina prevede delle norme tecniche per avviarli a combustione con recupero di energia secondo tecnologie e modalità già consolidate.

Sono soprattutto i fanghi essiccati di cartiera ad essere considerati dei sottoprodotti perché si originano dal processo di produzione della carta riciclata e sono impiegati in miscelazione con l’argilla, per la produzione di laterizi. Inclusi nel C.E.R. con il codice 030305, questi residui precedentemente dovevano obbligatoriamente rispettare la normativa, ma con il recente aggiornamento legislativo in materia dei rifiuti le cose sono cambiate, e i fanghi di cartiera hanno ottenuto l’etichetta di sottoprodotti e l’opportunità di una più ampia diffusione nel mercato europeo, al fine di ridurre la produzione di rifiuti.

Leggi anche

sfridoo cos'è end of waste
di Marco Battaglia 14 Giugno 2019

Rifiuti

Cos’è l’End of Waste? Ultimi aggiornamenti e criticità di un tassello fondamentale per l’economia circolare

Cosa significa End of Waste e per quale motivo può rappresentare un tassello dell’economia circolare? Una breve indagine nel mondo dei nuovi prodotti derivanti dai rifiuti e nelle normative che si sono succedute nel settore della gestione ambientale. Oggi la definizione dell’economia circolare insegue modelli per cui le aziende concorrano alla creazione di simbiosi industriali per cui scarti generati da un processo possano diventare nuove materie per un altro processo produttivo.

5 buoni motivi per capire il sottoprodotto
di Marco Battaglia 11 Maggio 2019

Rifiuti

5 buoni motivi per capire cos’è un Sottoprodotto

Spesso il termine sottoprodotto rimane un vero e proprio mistero. Una chimera normativa che molte aziende, pur di rimanere all’oscuro di tutta la normativa ambientale e della gestione dei rifiuti/prodotti a fine vita, evitano. Capita spesso di confrontarsi con aziende che avrebbero le opportunità normative e tutti i vantaggi economici ed ambientali per affrontare questo passaggio di gestione, eppure non si riesce ad arrivare a una risposta positiva nel procedere per questa strada virtuosa.

Scopri i nostri servizi