rifiuti speciali sfridoo

I rifiuti speciali e il loro valore: i numeri

  • 0

Rifiuti Pubblicato il 10 Gennaio 2018

CARPI, Consorzio Autonomo Riciclo Plastica Italia, ha presentato uno studio molto interessante e utile al fine di comprendere la situazione dei rifiuti speciali e l’annesso spreco economico in cui versa il nostro Paese. Gli “attori” di questa analisi sono i rifiuti speciali e quelli recuperati e smaltiti in Italia, oltre al numero di impianti di discarica presenti su tutto il territorio.

I vantaggi di polimeri e rifiuti speciali in discarica oggetto di studio del Consorzio CARPI

Gli obiettivi sono principalmente due: da un lato quantificare il valore economico ed energetico dei rifiuti speciali in discarica negli anni che vanno dal 2005 al 2015, dall’altro il valore economico riferito ai polimeri plastici sin dalla loro lavorazione.

Per quanto riguarda i rifiuti speciali, la loro produzione è passata da 107, 53 milioni di tonnellate nel 2005, a 132,43 milioni di tonnellate dieci anni dopo. In questo lasso di tempo, lo studio evidenzia una diminuzione dei rifiuti prodotti da agricoltura, orticoltura, acquacoltura, caccia e pesca, scesi a 2,97 milioni di tonnellate; mentre hanno valore positivo i rifiuti speciali prodotti da impianti di trattamento delle acque reflue e dalla potabilizzazione dell’acqua che raggiunge i 4,03 milioni di tonnellate. Nonostante ciò, la quantità annuale di rifiuti speciali conferiti in discarica è in sensibile diminuzione rispetto al periodo precedente a quello preso in analisi: il volume è passato da 16,052 milioni di tonnellate a 11,213 milioni nel 2015.

Per quanto riguarda, invece, i rifiuti speciali recuperati arrivano a 101,9 milioni di tonnellate nel 2015, mentre quelli smaltiti diminuiscono arrivando a 25,7 milioni di tonnellate. con questi dati si evince l’importanza del recupero e del riciclo di materiali di scarto, in quanto da queste operazioni essi diventano una risorsa per la catena di produzione.

La parte finale dello studio pone invece un confronto tra alcuni polimeri plastici (PE, PP, PET) e alcuni tra i maggiori combustibili/materiali (carbon coke, legno, cartone e altri), considerando il loro potere calorifico. Sono stati poi creati tre diversi scenari, ipotizzando un quantitativo iniziale in discarica di 10.000, 50.000 e 150.000 tonnellate di rifiuti costituiti esclusivamente da PE/PP e andando a stimare il loro equivalente energetico ed economico.

Leggi anche

google stadia economia circolare
di Marco Battaglia 11 Aprile 2019

Aziende

Google Stadia: l’Economia Circolare nel settore gaming

E’ notizia di poche settimane fa che Google, ha lanciato in occasione della Game Development Conference 2019 in California, un servizio in streaming per videogame al pari di Netflix. Dal 2018 Google è entrata a far parte del programma della Ellen Macarthur Foundation, l’organizzazione non profit che aiuta le aziende di tutto il mondo ad adottare pratiche di economia circolare, dichiarando il proprio impegno nei confronti della circular economy. Una spinta di lunga data quella di Google con al centro una partnership proprio con la Ellen MacArthur Foundation, e sperimentare gli enormi benefici.

posidonia sottoprodotto sfridoo
di Marco Battaglia 22 Marzo 2019

Economia Circolare

Da problema ambientale a risorsa: il caso sottoprodotto Posidonia

E’ partita a dicembre 2018 la campagna di avviso pubblico del Comune di Alghero, per la manifestazione d’interesse circa il riutilizzo della Posidonia (pianta acquatica del Mar Mediterraneo spesso confusa con il termine “alga”) nel campo della bioedilizia e dell’efficienza energetica. Le difficoltà normative, associate a quelle di carattere politico nazionale e locale, sono da […]

Scopri i nostri servizi