Economia Circolare come driver di resilienza per il tuo business

In questo nuovo articolo analizziamo quali sono i motivi per cui passare a un modello circolare per il tuo business. Perché l'economia circolare può diventare un mezzo per affrontare il tema della resilienza in periodi di crisi?

  • 2

Economia Circolare Pubblicato il 23 Maggio 2020

Indice

Cambiamenti globali

Oggi possiamo contare tre importanti cambiamenti nell’intero globo. Questi cambiamenti mettono in discussione il modo di fare e condurre un business e, allo stesso tempo, renderlo obsoleto. Il cambiamento è alla base per rimanere in gioco.

Resilienza, Business ed Economia Circolare

Questa caratteristica di rimanere elastici durante l’impatto con forti cambiamenti viene chiamata resilienza.

Un esempio sempre valido è il modello delle “chiuse” sui fiumi. Questi manufatti, che sono ancora presenti sul territorio italiano, sono degli scivoli d’acqua o sbarramenti, appartenenti anche al XIV secolo, che potrebbero sembrare essere costruiti con materiali come il cemento. Nulla di più falso. Togliendo la copertura di queste “chiuse” si potranno trovare puntoni e tiranti in legno.

Contro la forza dell’acqua non ci si può opporre con durezza. Ma con elasticità e duttilità. Proprio come il legno.

Scopri Cos’è l’Economia Circolare?

Un esempio celebre

Lo stesso approccio può essere utilizzato anche nella costruzione o mantenimento di un business: famoso rimane il caso di Blockbuster e Netflix, molto spesso citato dalla letteratura.

In tutto ciò l’economia circolare rappresenta un nuovo approccio di pensiero olistico ai processi e di mentalità imprenditoriale. Attraverso il metodo circolare si possono affrontare le sfide dei grandi cambiamenti che ci apprestiamo a descrivere.

Leggi anche Cos’è l’Economia Circolare e quali vantaggi per le imprese 

Di quali grandi cambiamenti stiamo parlando?

1. Aumento della classe media

Nei prossimi 10 anni la classe media globale aumenterà di circa due miliardi di persone. Con questa crescita prevista, sperimenteremo un enorme aumento della domanda di materie prime. Il risultato avrà un impatto finanziario significativo sulle aziende e, probabilmente, i costi di produzione complessivi aumenteranno. Così come i rischi legati alla sicurezza dell’approvvigionamento delle stesse.

Leggi anche La Performance Economy e le affinità con l’Economia Circolare

2. Insostenibilità del modello lineare

La quantità di persone che ora temono l’impatto dei cambiamenti climatici, l’impatto della plastica nell’oceano e altri problemi relativi all’ecosistema e all’ambiente, è in rapido aumento. L’attenzione a queste sfide è quasi esplosa. Soprattutto in questo periodo di emergenza da Covid-19.

Le aziende sono sempre più considerate protagoniste e driver di questo cambiamento in chiave green: a volte le imprese entrano a far parte del problema, spesso della soluzione. Ciò incide sul luogo in cui le persone desiderano lavorare, con chi desiderano collaborare e, in definitiva, sui marchi da supportare sul mercato.

Leggi anche di BlackRock, il più grande gestore del risparmio, investe nell’Economia Circolare

3. Sviluppo digitale e crescita iper-esponenziale

La crescita esponenziale della forza computazionale dei computer è in continua evoluzione. Ciò determina una capacità sempre maggiore di mettere in relazione persone, oggetti, asset, …

Anche in questo caso l’Europa, leader della rivoluzione green, mette al centro il digitale come soluzione abilitante alla creazione di business sempre più resilienti.

Con la tecnologia il mondo aumenta la velocità di crescita a livello iper-esponenziale. Man mano che sempre più aree vengono digitalizzate, iniziano a seguire la stessa potente traiettoria di sviluppo, spingendo la velocità del cambiamento sia all’interno delle dinamiche di mercato sia di quelle della società.

Leggi anche Cosa prevede il Circular Economy Action Plan appena adottato dall’Europa?

Dunque, la velocità di cambiamento è visibile sugli stessi prodotti o servizi: la vita media commerciale di un prodotto medio si riduce, lasciando meno tempo per guadagnare sulla sua commercializzazione. Inoltre, anche l’aspetto della formazione diventa fondamentale, aggiornamenti continui e incessanti che aggiungono pressione anche a livello individuale.

Conclusioni

Questi cambiamenti richiedono un nuovo piano su cui costruire e fondare il proprio business: un nuovo modo di comprendere, sviluppare e creare valore per l’azienda. L’economia circolare fornisce quel piano di gioco alternativo.

L’economia circolare è un modo di condurre il business adatto a far combaciare la rapida evoluzione con la crescente concorrenza per le risorse naturali e la crescente comprensione della necessità di creare un percorso veramente sostenibile per il futuro. Un futuro di uguaglianza temporale, dove tutti devono aver accesso nelle stesse modalità alle risorse limitate del nostro Pianeta.

L’economia circolare offre l’opportunità di trovare nuovi modi per generare business per la tua azienda, con proposte di valore ancora più interessanti per i tuoi clienti, costruendo nel contempo un impatto ambientale positivo e raccogliendo il corrispondente effetto positivo di green reputation del tuo marchio.

Fornisce una configurazione aziendale superiore a quelle attuali, robusta e redditizia. Mettendoti in uno stato di preparazione ai cambiamenti che inevitabilmente arriveranno – anche quelli che oggi non stiamo considerando.

Forse ti interessa Cos’è l’economia circolare? 15 termini che devi assolutamente conoscere

 

Se questo articolo ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividilo con colleghi, amici e persone che potrebbero essere interessate. Nel frattempo se vuoi ricevere la raccolta dei contenuti pubblicati puoi iscriverti alla Newsletter, per entrare di diritto nel network dell’economia circolare.

Leggi anche

Scopri i nostri servizi