azioni plastic-free

5 azioni Plastic free per tua azienda sostenibile

Le 5 azioni Plastic free per aziende da realizzare per eliminare o ridurre il monouso all’interno di un’azienda

  • 0

Plastic free Pubblicato il 25 Aprile 2020

Indice

5 azioni Plastic free – Una premessa

Negli ultimi mesi si è parlato molto di Plastic-free e in tanti si chiedono quali azioni realizzare per applicarlo all’interno delle aziende. Eliminare il monouso in plastica non è solo un modo per essere più sostenibili, ma anche per risparmiare sul medio-lungo termine.

Se è vero infatti che dotarsi di nuove soluzioni inizialmente rappresenti un costo, il risparmio si ottiene smettendo l’acquisto continuo degli articoli monouso. Una volta rientrato l’investimento, il risparmio sarà continuo nel tempo. A ciò si aggiunge un miglioramento dell’immagine del brand e delle condizioni degli ambienti di lavoro, con meno rifiuti, non di poco conto.

Leggi anche Cosa significa davvero essere Plastic-free?

Andiamo allora a vedere quali sono le 5 azioni Plastic free per le aziende. Grazie all’adozione di esse un’organizzazione potrà già raggiungere una sensibile riduzione di plastica monouso con annesso risparmio.

Adotta il Principio delle 4 R

Il principio delle 4 R è una strategia, introdotta nel Decreto Ronchi del 1998, che individua in ordine di priorità i comportamenti legati al consumo, da adottare per minimizzare la produzione di rifiuti. Le 4 R stanno per Riduci, Riutilizza, Ricicla, Recupera. Questa gerarchia di comportamenti è stata introdotta per porre un freno ad acquisti, e quindi consumi, sconsiderati. Nel caso del Plastic-free è da utilizzare in relazione all’acquisto e consumo di plastica monouso.

Per ogni aspetto in cui si utilizza la plastica monouso come prima cosa bisogna capire se è possibile ridurne l’utilizzo. Se sì dunque evitarne l’acquisto. Se non è possibile, ridurne la quantità acquistata al minimo indispensabile. Riutilizzare gli oggetti di plastica monouso non è quasi mai possibile perciò questa opzione è di difficile attuazione. Conferire infine la plastica nell’apposita raccolta differenziata. Questa verrà riciclata, oppure come ultima ratio incenerita recuperando da essa dell’energia.

Fai la raccolta differenziata e traccia gli sprechi

Un passo importante è implementare un’efficiente raccolta differenziata eliminando i piccoli cestini di rifiuti misti e dotandosi di stazioni di raccolta. Con ciò la possibilità del successivo riciclo sarà ottimizzata. Si potrà inoltre comprendere quali oggetti monouso in plastica sono maggiormente consumati.

In questo modo sarà più semplice individuare gli sprechi. Gli oggetti generalmente più numerosi nel cestino potranno diventare successivo oggetto di politiche di riduzione o eliminazione. Raccomandabile una partnership con multi-utility o aziende di servizi ambientali con accordi che prevedano la garanzia di destinazione del flusso di conferimento verso il riciclo.

Coinvolgi il personale

Adottare un nuovo paradigma di comportamento sul luogo di lavoro passa sempre dal coinvolgimento del personale. La sensibilizzazione e formazione delle persone ricopre un’importanza strategica nel raggiungimento di una condotta virtuosa sul luogo di lavoro.

Realizzare webinar, piccoli seminari, brevi momenti di formazione, oppure veicolare internamente documenti formativi e informativi. Nel mondo anglosassone si stanno sempre più diffondendo i Plastic-free Challenge dove le persone per un periodo si sfidano a ridurre al minimo il loro consumo di plastica monouso. Questi momenti diventano anche situazioni nelle quali le persone si scambiano idee su come poter ridurre l’uso della plastica e col loro apporto realizzare nuove soluzioni. Ogni figura professionale ha il suo rapporto con gli oggetti in plastica e ciò fa in modo che possano essere ideate nuove soluzioni proprio grazie all’esperienza specifica dei singoli ruoli aziendali.

Elimina le bottiglie di plastica

Uno degli oggetti monouso in plastica più consumati nelle aziende consiste nelle bottiglie di plastica. Quasi sempre all’interno di distributori automatici è il modo ad oggi più utilizzato per approvvigionare d’acqua il personale. In realtà è economicamente poco conveniente e produce molti rifiuti. L’acqua in confezione costa al litro molto di più di quella della rete idrica. Ma qualcosa sta cambiando e sempre più aziende si stanno dotando di erogatori.

Leggi anche Le migliori borracce per la tua azienda Plastic free

La soluzione migliore è sicuramente il rubinetto. L’acqua dalla rete idrica costa meno ed è la più sicura, in quanto soggetta a controlli molto più frequenti rispetto l’acqua confezionata. L’acqua imbottigliata può essere inoltre conservata per lunghi periodi in condizioni che non sempre conosciamo e che possono alterarne il contenuto. Per chi la desidera frizzante esistono erogatori collegati alla rete idrica che le aggiungono anidride carbonica. Un risparmio sicuro in termini economici e ambientali.

Coffee Break senza plastica

Altro luogo dove viene consumata tanta plastica monouso è la zona caffè. Tra bicchierini e palettine i rifiuti prodotti sono davvero numerosi. Quando poi non si aggiungono le capsule del caffè usate. Tutti oggetti difficilmente riciclabili, quando non è impossibile farlo. La loro sostituzione con omologhi in bioplastica o plastica vegetale oltre a non essere economica non riduce i rifiuti. La buona riuscita poi del loro riciclo organico tra l’altro è tutta da verificare.

Il consiglio è acquistare tazzine in ceramica e cucchiaini in acciaio oppure spingere il personale a portarsele da casa. Creare un angolo con un appendi-tazzine e prevedere un lavabo per il loro lavaggio. In sempre più uffici è possibile notare spazi arredati dedicati alla conservazione degli oggetti riutilizzabili del personale. Soluzioni che magari richiedono un po di cura ma che risolvono i problemi causati dal monouso.

Conclusioni

Ecco svelate le 5 azioni Plastic free per le aziende che vogliano minimizzare l’utilizzo del monouso nelle proprie sedi. Questi semplici passi però non sono abbastanza e non si può solo con essi pensare di risolvere il problema. Spesso le organizzazione non hanno conoscenze e risorse umane da dedicare allo sviluppo di progetti di sostenibilità come il Plastic-free. Per questo Sfridoo lo può fare al posto tuo realizzando un progetto Plastic-free che porti all’eliminazione o alla riduzione ai minimi termini della plastica monouso dalla tua attività.

Diventa un’azienda Plastic-free e Attesta il tuo impegno Plastic-free con il Certificate di Sfridoo

Se questo articolo ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividilo con colleghi, amici e persone che potrebbero essere interessate. Nel frattempo, se vuoi ricevere mensilmente la raccolta degli articoli pubblicati su Sfridoo, puoi iscriverti alla Newsletter o seguire i canali social di Sfridoo, per entrare di diritto nel Network dell’Economia Circolare.

Leggi anche

vintage riuso upcycling economia circolare
di Andrea Cavagna 6 Luglio 2020

Video

Vintage, riuso e upcycling nell’Economia Circolare: ecco Vintag

se vuoi ascoltare l’intervista in formato audio: Ciao Francesca, cosa significa Vintage per te? E’ tutto ciò che è stato prodotto almeno vent’anni fa e con certi standard qualitativi. Sono oggetti che possono raccontare una storia: parliamo di collezionismo, design, modernariato, moto, auto. Hanno una storia da raccontare e ci viene in mente un ricordo, […]

Scopri i nostri servizi