Dove finiscono i rottami di auto, treni o navi?

  • 0

Rifiuti Pubblicato il 15 Dicembre 2017

Vi siete mai chiesti che fine fanno i rottami di auto, navi o treni, provenienti dai processi di produzione delle aziende? Ogni oggetto ha le sue fasi di “crescita”, dalla creazione, alla vendita, all’utilizzo fino a diventare qualcosa di non utilizzato, per l’esattezza un rifiuto. Funziona allo stesso modo con i veicoli che, prima o poi, arrivano alla fine del loro ciclo di vita. Tuttavia i rottami di veicoli possono subire due condizioni: o vengono demoliti per essere successivamente riciclati alcuni degli elementi come i metalli, di cui sono composti, oppure possono rimanere ammassati in deposito per diversi anni, perché in attesa di essere distrutti.

I rottami di auto o navi se non vengono demoliti li possiamo trovare nei “cimiteri”, depositi a cielo aperto dove giacciono per sempre

In tutto il mondo vi sono parecchi rottami di auto o veicoli diversi in attesa di demolizione, dagli aerei, alle navi, alle auto, tanto che si può parlare di “cimiteri di rottami”.

Uno dei più grandi depositi di veicoli abbandonati si trova in Arizona, negli Stati Uniti, caratterizzato da pezzi di ricambio per motoveicoli, oppure quello situato a Tucson, composto da oltre quattro mila e duecento scheletri di aeroplani disposti su un’area vastissima.

In Bolivia invece giacciono treni abbandonati dal 1940 nell’enorme deserto di sale chiamato Salar de Uyuni, in quello che una volta era un fondale di un mare interno ora prosciugato. Locomotive, carrozze, vagoni merci sono stati depositati e lasciati in balia del tempo, della ruggine e del vento salato che corrode il metallo per anni e anni.

Se ti sei mai chiesto dove finiscono le navi, invece, la risposta è Nouadhibou, in Mauritania. Conosciuta anche con il nome di Port-Étienne, qui è presente il cimitero delle navi più grande del mondo ed è formato da oltre 300 relitti di grandi dimensioni, vecchie e arrugginite, ammassate nel porto e alcune di esse col tempo sono affondate, infatti se ne contano più di venti.

E infine, non dimentichiamo Chernobyl, con il cimitero di rottami costituito scheletri metallici radioattivi, compresi quelli dei veicoli militari sovietici utilizzati per le operazioni di bonifica. È stato anche messo in volo un drone per riprendere dall’alto la città fantasma, a 30 anni dall’esplosione della centrale nucleare.

Abbandonare totalmente rifiuti del genere, che siano rottami di auto oppure rottami mastodontici come navi o aerei non è una buona soluzione sia per noi che per l’ambiente; la cosa giusta da fare sarebbe riuscire a riciclare i componenti di questi veicoli o rivenderli ad industrie a cui possano servire. o vendi materiale di scarto?

Leggi anche

google stadia economia circolare
di Marco Battaglia 11 Aprile 2019

Aziende

Google Stadia: l’Economia Circolare nel settore gaming

E’ notizia di poche settimane fa che Google, ha lanciato in occasione della Game Development Conference 2019 in California, un servizio in streaming per videogame al pari di Netflix. Dal 2018 Google è entrata a far parte del programma della Ellen Macarthur Foundation, l’organizzazione non profit che aiuta le aziende di tutto il mondo ad adottare pratiche di economia circolare, dichiarando il proprio impegno nei confronti della circular economy. Una spinta di lunga data quella di Google con al centro una partnership proprio con la Ellen MacArthur Foundation, e sperimentare gli enormi benefici.

posidonia sottoprodotto sfridoo
di Marco Battaglia 22 Marzo 2019

Economia Circolare

Da problema ambientale a risorsa: il caso sottoprodotto Posidonia

E’ partita a dicembre 2018 la campagna di avviso pubblico del Comune di Alghero, per la manifestazione d’interesse circa il riutilizzo della Posidonia (pianta acquatica del Mar Mediterraneo spesso confusa con il termine “alga”) nel campo della bioedilizia e dell’efficienza energetica. Le difficoltà normative, associate a quelle di carattere politico nazionale e locale, sono da […]

Scopri i nostri servizi