La Madame Tussauds dei metalli

  • 0

Economia Circolare Pubblicato il 17 Ottobre 2017

Sembra il museo delle cere di Madame Tussauds, ma un materiale ben più tenace della cera è stato utilizzato per questa magnifica esposizione tenutasi a Pruszkow e Cracovia, Polonia: i metalli.

La Galleria Figur Stalowych, chiede a cinquanta artisti del metallo sparsi in tutto il mondo di realizzare le opere che saranno successivamente portate in tour non solo in Polonia ma in tutto il globo.

Ideatore e fondatore della Galleria è Mariusz Olejnik (a.k.a. Angel).

La parola che risuona nella galleria è “recupero” per dare seconda vita alla materia, trasformandola in sculture.

La parola che risuona all’interno della galleria è “recupero”: tutto il materiale utilizzato per la creazione di queste bellissime sculture è il metallo proveniente dai centri di riciclo.

L’obiettivo finale è quello di dare una seconda vita a questi oggetti trasformandoli e componendoli in sculture che strappano sorrisi e sguardi sbigottiti ai visitatori.

I soggetti sono a dir poco affascinanti: dai personaggi dei film di fantascienza e cartoni animati, ai personaggi famosi  fino a ricostruzioni di famosi modelli automobilistici che hanno fatto la storia. Ci si ritrova l’incredibile Hulk a poca distanza da Predator senza però intravedere un modello di Mercedes 300 SL, con una scocca a dir poco minuziosa. I dettagli a volte risultano quasi maniacali, un bisonte dal pelo metallico mosso dal vento ricorda il Barocco e la sua mimesis.

La scelta della città di Pruszkow non è di certo casuale anzi, è un famoso cento industriale e metallurgico, palcoscenico perfetto per l’esposizione diretta da Jose Angel.

La mostra, unica nel suo genere, ritaglia prepotentemente il suo spazio nell’arte contemporanea, lanciando un chiaro messaggio sul riutilizzo dei materiali, sensibilizzando l’osservatore. Da questa mostra si evince perfettamente come l’artista, avendo a disposizione quello che pochi giorni prima era considerato un rottame metallico, riesca a creare mondi immaginifici e figure riconoscibili o distorte.

Le grandi sculture sono state create anche grazie al metallo recuperato da privati, che l’hanno generosamente donato per la realizzazione delle opere d’arte. Proprio su questo spirito si basa l’intera idea di Jose: recuperare quel metallo che si trova nelle cantine e nelle soffitte per dargli una seconda possibilità e riscoprirne il potenziale.

Sempre meno rottami metallici dovranno finire in discarica. Diamo a questi materiali, riciclabili al 100%, la possibilità di poter essere riutilizzati.

Leggi anche

di Sfridoo Staff 17 Febbraio 2019

Economia Circolare

L’economia circolare è un’opportunità d’oro. Non sprechiamola

Questo articolo fa parte della riunione annuale del World Economic Forum Il cuore dell’accordo di Parigi ha come obiettivo quello di mantenere la temperatura globale in rialzo ben al di sotto dei 2 °C. Al momento l’opinione pubblica è rivolta soprattutto all’energia, all’efficienza energetica e alle energie rinnovabili. Eppure dietro l’angolo si nascondono opportunità molto grandi, una […]

ikea netflix sfridoo
di Marco Battaglia 7 Febbraio 2019

Aziende

IKEA come Netflix: ora i mobili si possono affittare

La sfida di IKEA verso il rispetto dei principi dell’Economia Circolare si fa sempre più concreta. L’azienda svedese inizierà a noleggiare mobili come tentativo di costruire un business più rispettoso dell’ambiente, dichiarando di voler testare l’idea di noleggiare mobili per ufficio, come scrivanie e sedie, per i clienti commerciali. Per le cucine l’azienda ha un’idea di sviluppo successiva: […]

loop sfridoo
di Marco Battaglia 28 Gennaio 2019

Green Marketing

Loop, la piattaforma di vendita al dettaglio basata su packaging riutilizzabile

Dopo la presentazione al Sustainability Summit 2018 di The Economist, da parte di Tom Szaky, fondatore e CEO di TerraCycle, il sistema Loop – si chiama così la piattaforma di riutilizzo pensata dall’azienda statunitense – si affianca ad altri importanti brand per eliminare gli sprechi legati al packaging dei prodotti di consumo domestico. Come viene definito il progetto […]

Scopri i nostri servizi