La Madame Tussauds dei metalli

  • 0

Economia Circolare Pubblicato il 17 Ottobre 2017

Sembra il museo delle cere di Madame Tussauds, ma un materiale ben più tenace della cera è stato utilizzato per questa magnifica esposizione tenutasi a Pruszkow e Cracovia, Polonia: i metalli.

La Galleria Figur Stalowych, chiede a cinquanta artisti del metallo sparsi in tutto il mondo di realizzare le opere che saranno successivamente portate in tour non solo in Polonia ma in tutto il globo.

Ideatore e fondatore della Galleria è Mariusz Olejnik (a.k.a. Angel).

La parola che risuona nella galleria è “recupero” per dare seconda vita alla materia, trasformandola in sculture.

La parola che risuona all’interno della galleria è “recupero”: tutto il materiale utilizzato per la creazione di queste bellissime sculture è il metallo proveniente dai centri di riciclo.

L’obiettivo finale è quello di dare una seconda vita a questi oggetti trasformandoli e componendoli in sculture che strappano sorrisi e sguardi sbigottiti ai visitatori.

I soggetti sono a dir poco affascinanti: dai personaggi dei film di fantascienza e cartoni animati, ai personaggi famosi  fino a ricostruzioni di famosi modelli automobilistici che hanno fatto la storia. Ci si ritrova l’incredibile Hulk a poca distanza da Predator senza però intravedere un modello di Mercedes 300 SL, con una scocca a dir poco minuziosa. I dettagli a volte risultano quasi maniacali, un bisonte dal pelo metallico mosso dal vento ricorda il Barocco e la sua mimesis.

La scelta della città di Pruszkow non è di certo casuale anzi, è un famoso cento industriale e metallurgico, palcoscenico perfetto per l’esposizione diretta da Jose Angel.

La mostra, unica nel suo genere, ritaglia prepotentemente il suo spazio nell’arte contemporanea, lanciando un chiaro messaggio sul riutilizzo dei materiali, sensibilizzando l’osservatore. Da questa mostra si evince perfettamente come l’artista, avendo a disposizione quello che pochi giorni prima era considerato un rottame metallico, riesca a creare mondi immaginifici e figure riconoscibili o distorte.

Le grandi sculture sono state create anche grazie al metallo recuperato da privati, che l’hanno generosamente donato per la realizzazione delle opere d’arte. Proprio su questo spirito si basa l’intera idea di Jose: recuperare quel metallo che si trova nelle cantine e nelle soffitte per dargli una seconda possibilità e riscoprirne il potenziale.

Sempre meno rottami metallici dovranno finire in discarica. Diamo a questi materiali, riciclabili al 100%, la possibilità di poter essere riutilizzati.

Leggi anche

google stadia economia circolare
di Marco Battaglia 11 Aprile 2019

Aziende

Google Stadia: l’Economia Circolare nel settore gaming

E’ notizia di poche settimane fa che Google, ha lanciato in occasione della Game Development Conference 2019 in California, un servizio in streaming per videogame al pari di Netflix. Dal 2018 Google è entrata a far parte del programma della Ellen Macarthur Foundation, l’organizzazione non profit che aiuta le aziende di tutto il mondo ad adottare pratiche di economia circolare, dichiarando il proprio impegno nei confronti della circular economy. Una spinta di lunga data quella di Google con al centro una partnership proprio con la Ellen MacArthur Foundation, e sperimentare gli enormi benefici.

posidonia sottoprodotto sfridoo
di Marco Battaglia 22 Marzo 2019

Economia Circolare

Da problema ambientale a risorsa: il caso sottoprodotto Posidonia

E’ partita a dicembre 2018 la campagna di avviso pubblico del Comune di Alghero, per la manifestazione d’interesse circa il riutilizzo della Posidonia (pianta acquatica del Mar Mediterraneo spesso confusa con il termine “alga”) nel campo della bioedilizia e dell’efficienza energetica. Le difficoltà normative, associate a quelle di carattere politico nazionale e locale, sono da […]

Scopri i nostri servizi