Ooho! La bolla d’acqua che elimina la plastica

  • 0

Neomateriali Pubblicato il 25 Agosto 2017

Un’invenzione del 2014 diventa il progetto pilota per eliminare il consumo di plastica: Ooho! è una capsula d’acqua commestibile, biodegradabile ed economica.
Una vera e propria rivelazione (e rivoluzione) per il packaging delle bevande che trova più di mezzo miliardo di sterline!

Gonzalez, Couche e Paslier, tre ingegneri spagnoli, sviluppano un prototipo per trasportare e consumare liquidi senza alcun impatto ambientale; lanciano una campagna di crowdfunding online e rivoluzionano un modello di produzione e consumo.

We make packaging disappear.

Il motto di Rock Lab.

Le bolle Ooho! sono poco più grandi di una caramella e sono completamente commestibili. All’interno delle bolle è possibile inserire diversi liquidi, dall’acqua minerale alle bevande zuccherate (fino ad alcuni cosmetici!), ed è sufficiente un solo boccone per dissetarsi senza sprecare bottiglie di plastica. Grazie a una doppia membrana di gelatina formata da alginato di sodio e cloruro di calcio, la Ooho! conserva i liquidi e aiuta l’ambiente.

Sulla piattaforma di crowdfunding crowdcube.com, la Skipping Rock Lab (la startup innovativa dei tre ingegneri) lancia una campagna per raccogliere fondi e cercare investitori così da avviare la produzione su grande scala. Secondo gli inventori della bolla Ooho! i costi del packaging tutto innovativo e sostenibile rasentano i 2 centesimi di produzione per capsula, sfidando apertamente i livelli di costi delle classiche bottiglie di plastica usa e getta.

Per gli investitori la sostenibilità è a forma di capsula.

La fine delle bottiglie di plastica è vicina?

Circa due anni di ricerca e sviluppo hanno occupato i tre ingegneri e vari esperti messi a disposizione dal programma di accelerazione di Climate-KIC dell’Istituto Europeo di Innovazione e Tecnologia (EIT) con sede a Londra; oggi il progetto richiede, però, i giusti mezzi finanziari per lanciare sul mercato il prodotto e la campagna di crowdfunding digitale, lanciata ad aprile 2017, si è già dimostrata il giusto strumento per raggiungere i numeri desiderati dall’azienda spagnola.

L’obiettivo prefissato è stato fissato a 400.000 sterline, ma il portafoglio ha più che raddoppiato la cifra di investimenti: 898 sono le persone – singoli cittadini e aziende – che hanno donato al progetto Ooho!, raggiungendo un totale di quasi 850.000 sterline a neanche 4 mesi dal lancio della campagna.

La nostra mission – dichiara il team fondatore – è quella di fornire un impatto positivo sull’ambiente: fermare la produzione di 1 miliardo di bottiglie di plastica che ogni anno occupano le acque degli oceani e abbattere 300 milioni di kg di CO2 emessi per il packaging tradizionale.” 

Leggi anche

google stadia economia circolare
di Marco Battaglia 11 Aprile 2019

Aziende

Google Stadia: l’Economia Circolare nel settore gaming

E’ notizia di poche settimane fa che Google, ha lanciato in occasione della Game Development Conference 2019 in California, un servizio in streaming per videogame al pari di Netflix. Dal 2018 Google è entrata a far parte del programma della Ellen Macarthur Foundation, l’organizzazione non profit che aiuta le aziende di tutto il mondo ad adottare pratiche di economia circolare, dichiarando il proprio impegno nei confronti della circular economy. Una spinta di lunga data quella di Google con al centro una partnership proprio con la Ellen MacArthur Foundation, e sperimentare gli enormi benefici.

posidonia sottoprodotto sfridoo
di Marco Battaglia 22 Marzo 2019

Economia Circolare

Da problema ambientale a risorsa: il caso sottoprodotto Posidonia

E’ partita a dicembre 2018 la campagna di avviso pubblico del Comune di Alghero, per la manifestazione d’interesse circa il riutilizzo della Posidonia (pianta acquatica del Mar Mediterraneo spesso confusa con il termine “alga”) nel campo della bioedilizia e dell’efficienza energetica. Le difficoltà normative, associate a quelle di carattere politico nazionale e locale, sono da […]

Scopri i nostri servizi